Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Allarme per l'estinzione dell'orso marsicano

NEWS/NATURA/ANIMALI A RISCHIO DI ESTINZIONE

Il Wwf lancia l'allarme estinzione per l'ultima e unica popolazione al mondo di orso bruno marsicano, e chiede con forza l'impegno delle istituzioni, ministero dell'Ambiente e Regioni per primi, perché mettano in campo azioni immediate e decise per scongiurare il rischio. Sono almeno 5 gli animali deceduti negli ultimi 12 mesi.

 

 

L'orso bruno marsicano (Ursus arctos marsicanus) è un mammifero onnivoro della famiglia degli Ursidi: in particolare, si tratta di una sottospeciedell'orso bruno (Ursus arctos) endemica dell'Italia centro-meridionale, dove sopravvive con una cinquantina di esemplari.

L'habitat dell'orso bruno marsicano è teoricamente abbastanza variabile: si adatta infatti a una varietà di ambienti diversi, sebbene legati alle immediate vicinanze di una copertura boschiva. A causa della presenza umana, tuttavia, questi animali si sono rifugiati in aree via via sempre più impervie e con elevata copertura boschiva. Pare che durante l'estate si spostino verso aree a quota maggiore con copertura prativa e cespugliosa, mentre durante l'inverno prediligano aree rocciose, possibilmente lontane da qualsiasi tipo di attività umana.

La specie, un tempo diffusa in tutta la zona ad est degli Appennini dalle Marche alla Puglia, attualmente è confinata in una ristretta porzione degli Appennini centrali, con particolare riferimento all'area del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. Nel 1969, anno in cui Franco Tassi divenne direttore del predetto parco nazionale, sopravvivevano una sessantina di orsi marsicani; nel 2008, secondo le stime fornite dall'Ente autonomo Parco nazionale d'Abruzzo, nel territorio ne vivrebbero un numero ricompreso tra i 40 e i 50 esemplari.

Dunque la popolazione ursina non ha registrato crescite, nonostante gli sforzi sia finanziari che umani compiuti negli ultimi decenni, e risulta sempre a rischio di estinzione, in virtù sia del numero sia del basso tasso riproduttivo. La metà circa della popolazione totale vive in Abruzzo, nella subregione della Marsica. In particolare, la presenza di questo plantigrado è stabile, oltre che nel Parco d'Abruzzo (del quale rappresenta il simbolo), anche nel Maiella, nel Sirente-Velino e nel Gran Sasso, pur non essendo sporadici gli avvistamenti nell'alto Molise, nei Monti del Reatino (Lazio) e nei Monti Sibillini (Marche-Umbria), dove la specie potrebbe essersi irradiata. Recenti avvistamenti sono avvenuti nell'Appennino marchigiano, in provincia di Pesaro e Urbino . Non confermati gli avvistamenti tra le province di Salerno e Potenza.

La condizione di salute dell'orso marsicano desta preoccupazione, a causa del basso numero di esemplari rimasti, che si accoppiano tra loro riducendo la variabilità genetica e diventando sempre più soggetti a malattie. Nel 2011, infatti, sono stati segnalati casi di dermatite in alcuni esemplari

Il bracconaggio e la mancata corretta gestione del territorio e delle reali emergenze per la tutela di questa specie , sottolinea il Wwf, stanno mettendo a serio rischio di estinzione l'ultima e unica popolazione al mondo di orso bruno marsicano, un pezzo importantissimo del nostro patrimonio naturale. Tutto ciò richiede azioni puntuali e decise anche se poco popolari, ma questo è quello che chi governa è chiamato a fare.

''Si parla di una popolazione di orsi con caratteristiche genetiche e comportamentali uniche al mondo e non possiamo permetterci di perderla'', continua Caserta. '' Per la conservazione dell'orso bruno marsicano chiediamo al ministro dell'Ambiente e alle Regioni interessate azioni decise, concrete, di fare funzionare e rispettare gli impegni che si sono assunti con la preparazione e la sottoscrizione del Patom Piano d'azione per la tutela dell'Orso marsicano e nei riguardi della comunità internazionale.''

 


 

Leggi anche:

Tempi duri per i parenti dello Yeti

Indonesia, fatwa degli ulema per proteggere gli animali selvatici

IL Caffè de…fecato il KOPI LUWAK

Joomla templates by a4joomla