L’Artico, una regione in pericolo

 

Nell'immaginazione di molte persone, l'Artico è una regione isolata, staccata dalle preoccupazioni globali. Immagini di orsi polari, vaste distese di ghiaccio e tundra congelata vengono alla mente più facilmente dei centri urbani e dei villaggi in cui le persone usano Internet per connettersi con il resto del mondo. Dall'esterno, l'Artico è visto come un luogo distante ma, in realtà, è connesso al resto del mondo.

L'Artico ospita poco più di 4 milioni di persone. Circa il 10% della popolazione è indigena e comprende dozzine di culture e lingue diverse. Circa il 70% della popolazione artica vive nella Federazione Russa. Ad eccezione della Groenlandia e del Canada settentrionale, i popoli indigeni sono una minoranza. In tutta la regione, le persone vivono in comunità sparse di diverse dimensioni, da Murmansk in Russia, con una popolazione di oltre 300.000 abitanti, a villaggi come Paulatuk nell'Artico canadese occidentale, con poco meno di 300 persone.

Come tutte le economie regionali, l'economia artica serve due mercati diversi: diamanti, ferro, oro, zinco, petrolio e gas naturale, pesce e legname sono prodotti per il mercato internazionale, mentre l'economia locale si basa in gran parte sul settore pubblico, che fornisce lavori e servizi ai residenti locali. In alcune aree, l'economia locale include attività tradizionali come la pesca, la caccia, la pastorizia e la raccolta, che forniscono consumo locale e supportano le tradizioni culturali vitali delle popolazioni artiche.

 

 

Quasi 15 anni fa, il Consiglio artico ha pubblicato l'Artic Climate Impact Assessment (ACIA). Il rapporto ha sollevato l'allarme per gli effetti drammatici dei cambiamenti climatici sugli ecosistemi della regione e su coloro che dipendono da essi. Ha inoltre messo in evidenza le implicazioni di un mutamento dell'Artico per il sistema climatico globale. Il rapporto ha attirato l'attenzione su una parte del mondo che per molti era sempre sembrata remota e con poca influenza sulla vita di miliardi di persone altrove. Da allora, tuttavia, un'enorme quantità di ricerche ha confermato i risultati chiave dell'ACIA, vale a dire che i cambiamenti climatici causerebbero cambiamenti nella vegetazione e nelle gamme di animali, nonché l'erosione costiera e l'innalzamento del livello del mare. Di conseguenza, avrebbe un impatto sulla vita e sulle culture delle popolazioni artiche in tutta la regione.

Le emissioni di gas serra (GHG) e l'inquinamento da attività globali, che provengono principalmente dal di fuori della regione, stanno causando cambiamenti e impatti di vasta portata sull'ambiente artico. Questi cambiamenti, a loro volta, influenzeranno la salute del pianeta nel suo insieme.

Ogni anno ci sono segni sempre più evidenti di un clima che cambia, come l'aumento del numero e dell’intensità degli uragani, le ondate di calore e gli incendi nell'emisfero settentrionale. Un clima così estremo è probabilmente la principale conseguenza immediata del cambiamento climatico nelle società di tutto il mondo.