Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Il sentimento degli europei nei riguardi del cambiamento climatico. Dati aggiornati a aprile 2019.

Il cambiamento climatico è una delle sfide più serie per il nostro mondo di oggi. I suoi effetti si fanno sentire in tutti i continenti e si prevede che diventeranno più intensi nei prossimi decenni. Questi cambiamenti hanno il potere di trasformare il nostro mondo, influendo sul nostro ambiente, salute, cibo e risorse idriche e rappresentano una minaccia per la sicurezza e la stabilità globali.

La consapevolezza dei cambiamenti climatici e la necessità di agire è sempre più diffusa. Una delle più grandi manifestazioni di questo negli ultimi tempi è il movimento giovanile per il clima (FRIDAYS FOR FUTURE) che ha ottenuto un forte sostegno nei paesi di tutto il mondo.

L'UE si è impegnata a essere leader nell'azione globale per il clima ed è sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi previsti dal pacchetto 2020 per il clima e l'energia e ha messo in atto il quadro legislativo per raggiungere i suoi obiettivi per il 2030.

 

Per basarsi su questo successo e pianificare il futuro, nel novembre 2018 la Commissione europea ha presentato la sua visione strategica a lungo termine per un'economia prospera, moderna, competitiva e neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. La visione copre quasi tutte le politiche dell'UE ed è in linea con l'obiettivo dell'accordo di Parigi di mantenere l'aumento delle temperature globali ben al di sotto dei 2°C e proseguire gli sforzi per mantenerlo a 1,5°C. La visione affronta non solo le transizioni economiche e industriali che dovranno verificarsi, ma si concentra anche sul raggiungimento di questi cambiamenti in modo socialmente giusto.

 

Gli europei cosa pensano a riguardo? Alla domanda “Quale delle seguenti consideri sia il singolo problema più grave per il mondo nel suo insieme?” Gli europei ritengono che

il cambiamento climatico è considerato non solo come un problema molto grave, ma come il singolo problema più grave che il mondo deve affrontare oggi

 

 

 

 

Complessivamente il 93% degli intervistati ritiene che il cambiamento climatico sia un problema serio. Il 60% degli intervistati pensa che il cambiamento climatico sia uno dei problemi più gravi che il mondo deve affrontare.

Il cambiamento climatico è diventato il secondo problema più grave dopo la povertà, la fame e la mancanza di acqua potabile.

La Svezia (50%) è l'unico paese in cui almeno la metà degli abitanti pensa che i cambiamenti climatici siano oggi il problema più grave al mondo, seguiti dal 47% degli intervistati in Danimarca e dal 33% a Malta e Finlandia. Al contrario, solo il 10-12% degli abitanti della Bulgaria, Lettonia, Grecia, Croazia e Romania pensano che il cambiamento climatico sia il problema più grave.  

 

Una Europa con diverse sensibilità.

 

Solo il 19% degli italiani pensa che il cambiamento climatico sia il problema più grave. Per il 30% italiani il problema più grave a livello mondiale è la situazione economica.

 

Ai cittadini europei è stato chiesto  chi, all'interno dell'UE, ritenessero responsabili della lotta ai cambiamenti climatici.

 

La maggioranza pensa che la responsabilità per affrontare il cambiamento climatico spetti ai governi nazionali, alle imprese e all'industria anche se molti intervistati affermano di aver intrapreso azioni personali per combattere i cambiamenti climatici.

 

(special eurobarometro 490 – climate change – aprile 2019)

 

 

 

 


Torna all'indice