Le nostre città possiedono qualità culturali e architettoniche uniche, forti forze di inclusione sociale e eccezionali possibilità di sviluppo economico. Sono centri di conoscenza e fonti di crescita e innovazione.

 

 

"Le nostre città possiedono qualità culturali e architettoniche uniche, forti forze di inclusione sociale e eccezionali possibilità di sviluppo economico. Sono centri di conoscenza e fonti di crescita e innovazione.

Allo stesso tempo, tuttavia, soffrono di problemi demografici, disuguaglianza sociale, esclusione sociale di specifici gruppi di popolazione, mancanza di alloggi economici e adeguati e problemi ambientali. "

 

Le città svolgono un ruolo chiave nella vita di un paese.

Non solo la maggioranza della popolazione vive nelle città, ma le città svolgono anche un ruolo chiave nello sviluppo sociale ed economico di tutti i territori europei.

Il "modello europeo di città" è una questione interessante. Da un lato c’è la storia da tutelare, ossia l’identità da tutelare dall'altro è necessario pensare al futuro.

 

Cos’è una città

Esistono molte definizioni di città. "Città" può fare riferimento a un'unità amministrativa o a una certa densità di popolazione.

A volte viene fatta una distinzione tra paesi e città: le prime sono più piccole (ad esempio tra 10000 e 50000 abitanti) e le seconde più grandi (oltre 50000 abitanti). "Città" può anche riferirsi più in generale a percezioni di uno stile di vita urbano e caratteristiche culturali o sociali specifiche, nonché luoghi funzionali di attività economica e di scambio.

 

"Città" può anche riferirsi a due diverse realtà: la città de jure - la città amministrativa - e la città de facto - il più grande agglomerato socio-economico.

La città de jure corrisponde principalmente alla città storica con i suoi confini chiari per il commercio e la difesa, è un centro urbano ben definito. La città de facto corrisponde alla realtà socio-economica.

 

La classificazione delle città viene fatta anche in base all’Area Urbana Funzionale – FUA – che può essere descritta dal suo bacino del mercato del lavoro e dai modelli di mobilità dei pendolari e include il più ampio sistema urbano di città e villaggi vicini che sono fortemente dipendenti economicamente e socialmente da un grande centro urbano.

L’Area Urbana Morfologica (MUA) rappresenta, invece, la continuità dello spazio edificato con un livello di densità definito.

Ad esempio, la città amministrativa di Londra ha una popolazione di 7,4 milioni di abitanti, il suo MUA ne contiene 8,3 milioni e il suo FUA 13,7 milioni di residenti.

 

Esistono altri concetti e approcci per descrivere e definire le città de facto. Qualunque sia il modello scelto, è chiaro che la realtà della città de facto si è espansa ben oltre la città de jure e che è a questo livello che la politica urbana deve trovare la sua prospettiva a lungo termine.

 

Con l'espansione delle città de facto, la delimitazione di urbano e rurale è diventata meno chiara o addirittura ha perso il suo senso.  Il confine tra la città e la campagna sta scomparendo mentre il rurale e l'urbano si sono fusi in una nuova condizione urbana.

 

L'importanza crescente delle città

Nel secolo scorso, l'Europa si è trasformata da un continente prevalentemente rurale a uno prevalentemente urbano. Si stima che circa il 70% della popolazione dell'UE - circa 350 milioni di persone - viva in agglomerati urbani di oltre 5000 abitanti. Sebbene la velocità di trasformazione sia rallentata, la quota della popolazione urbana continua a crescere.


L'Europa è inoltre caratterizzata da una struttura urbana più policentrica e meno concentrata rispetto, ad esempio, agli Stati Uniti o alla Cina. Ci sono 23 città con più di 1 milione di abitanti e 345 città con più di 100000 abitanti nell'Unione europea, che rappresentano circa 143 milioni di persone. Solo il 7% della popolazione dell'UE vive in città con oltre 5 milioni di abitanti rispetto al 25% negli Stati Uniti.

Inoltre, il 56% della popolazione urbana europea - circa il 38% della popolazione europea totale - vive in città e paesi di piccole e medie dimensioni tra i 5000 e i 100000 abitanti.

 

Le città svolgono un ruolo chiave nella crescita economica

La concentrazione di consumatori, lavoratori e imprese in un luogo o in un'area, insieme alle istituzioni, rendono un agglomerato coeso con le capacità di rendimenti crescenti. Il 67% del PIL europeo è generato nelle regioni metropolitane, mentre la loro popolazione rappresenta solo il 59% della popolazione europea totale.

L'agglomerazione comporta anche degli aspetti negativi: come la congestione del traffico, l'aumento dei prezzi e la mancanza di alloggi a prezzi accessibili, l'inquinamento, l'espansione urbana incontrollata, l'aumento dei costi delle infrastrutture urbane, le tensioni sociali e l'aumento della criminalità. Alle volte gli aspetti negativi possono superare i benefici.

Oltre ai costi economici diretti di una diminuzione dell'efficienza dell'economia, c'è anche il costo aggiuntivo di un ambiente degradato, problemi di salute e una ridotta qualità della vita. Secondo l'OCSE, la relazione tra reddito e dimensione della popolazione diventa negativa intorno ai 6-7 milioni.

L'importanza delle città di piccole e medie dimensioni

L'importanza delle città di piccole e medie dimensioni non deve essere sottovalutata. Gran parte della popolazione urbana vive in città di piccole o medie dimensioni sparse in tutto il continente europeo. Queste città svolgono un ruolo importante nel benessere e nel sostentamento non solo dei propri abitanti, ma anche delle popolazioni rurali che li circondano.

Le caratteristiche generiche delle città di piccole e medie dimensioni - in particolare la loro dimensione umana, la vivibilità, la convivialità dei loro quartieri e il loro radicamento geografico e il loro carattere storico - costituiscono in molti modi un ideale di urbanistica sostenibile.

Le città di piccole e medie dimensioni sono, quindi, essenziali per evitare lo spopolamento rurale e la deriva urbana e sono indispensabili per lo sviluppo regionale equilibrato, la coesione e la sostenibilità del territorio europeo.

 

Le città contribuiscono sia ai problemi che alle soluzioni

Le città sono luoghi di alta concentrazione di problemi. Sebbene le città siano generatrici di crescita, i tassi di disoccupazione più elevati si riscontrano nelle città. La globalizzazione ha portato alla perdita di posti di lavoro - soprattutto nel settore manifatturiero - e questo è stato amplificato dalla crisi economica.

L'aumento dell'immigrazione combinato con la perdita di posti di lavoro ha provocato problemi di integrazione e un aumento degli atteggiamenti razzisti e xenofobi.

Ad esempio, le città devono essere in prima linea nella riduzione delle emissioni di CO2 e nella lotta al cambiamento climatico in quanto le aree urbane sono responsabili di un'ampia quota delle emissioni di CO2.

 

Fonte. European Union, Cities of Tomorrow, 2011

 


Torna all'indice