Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Scala Mercalli: la polemica sul clima arriva in TV

La polemica sul clima, dal web alla TV

 

In questi giorni si scrive molto sul programma Scala Mercalli a causa della critica negativa di Aldo Grasso.

Il programma Scala Mercalli è il primo programma televisivo rai dedicato unicamente al cambiamento climatico, dell’uomo che sta devastando il Pianeta e che cosa dobbiamo fare per affrontare i cambiamenti che stanno avvenendo.

Un programma che viene trasmesso in prima serata su Rai 3 e che deve fare i conti con la programmazione di Rai 1 con “Notti sul Ghiaccio” e Canale 5 con “C’è posta per te”. E’ molto difficile far concorrenza ai programmi storici della televisione italiana.

Aldo Grasso  è un giornalista, critico televisivo e docente italiano. Si occupa principalmente di storia della televisione e ha innescato una polemica scrivendo una critica molto dura riguardo al programma di Rai 3 “Scala Mercalli”.

Non mi permetto di giudicare la regia del programma,  ma sicuramente la polemica che si è innescata è tipicamente italiana.

Al giorno d’oggi la critica si esprime sempre con parole che possono essere offensive allo scopo di farsi leggere. Purtroppo, se scrivi con un linguaggio corretto nessuno ti legge. Basti pensare ai numerosi blogger finiti in televisione solo perché del linguaggio offensivo ne hanno fatto una professione!

Aldo Grasso può esprimere il suo dissenso su un programma, ma che bisogno ha di usare parole offensive per dissentire? Si può tornare a essere critici oppure blogger comunicando senza offendere?

 

L’argomento che viene trattato nel programma è delicato e difficile da far comprendere alla massa per diversi motivi. In particolare perché la società moderna è frenetica. Far comprendere ciò che potrà accadere tra 10 – 20 anni diventa molto difficile senza diventare come un film catastrofico. Gli stessi governi non sono in grado di programmare le proprie politiche così a lungo termine. In questo contesto come fai a spiegare cambiamenti che avvengono in decine di anni? 

 

 

In questo contesto, a conti fatti, Aldo Grasso ha fatto solo un favore al programma: cosa c’è di meglio di una critica negativa per far impennare gli ascolti. 

 

 


Leggi anche:

L’Università tra innovazione e carriera

Il surriscaldamento del pianeta è veramente il problema principale?

Educazione ambientale a scuola: finalmente!

Joomla templates by a4joomla