Informativa Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Le nuove stime sulla popolazione mondiale

Le Nazioni Unite hanno pubblicato le nuove stime sulla popolazione mondiale.

 

Il rapporto “World Population Prospects. 2015 revision” hanno messo in risalto cove si verificheranno le pressioni alimentari nei prossimi anni.

A metà del 2015 la popolazione della Terra ha raggiunto i 7,3 miliardi di persone e il contatore avanza alla velocità di +140 abitanti al minuto. Gli analisti sostengono che nel corso dell'ultimo anno il numero della popolazione terrestre è aumentato di 80 milioni.

Il sessanta per cento della popolazione mondiale vive in Asia (4,4 miliardi), il 16 per cento in Africa (1,2 miliardi), il 10 per cento in Europa (738 milioni), il 9 per cento in America Latina e nei Caraibi (634 milioni), e il restante 5 per cento in Nord America (358 milioni) e Oceania (39 milioni). La Cina (1,4 miliardi) e India (1,3 miliardi) rimangono i due più grandi paesi del mondo, entrambi con oltre 1 miliardo di persone, che rappresentano il 19 e il 18 per cento della popolazione mondiale, rispettivamente.

Le più attendibili proiezioni delle Nazioni Unite ci consegnano per il 2050 una Terra con poco più di 9,7 miliardi di persone e 11,2 miliardi nel 2100.

 

Più della metà della crescita della popolazione mondiale entro il 2050 avverrà in Africa

 

L’Asia darà il secondo più grande contributo alla futura crescita della popolazione mondiale, l'aggiunta di 0,9 miliardi di persone tra il 2015 e il 2050, seguiti da America del Nord, America Latina e nei Caraibi e Oceania, che si prevede avranno incrementi molto più piccoli. L'Europa è proiettata ad avere una popolazione inferiore nel 2050 rispetto al 2015.

 

Tra il 2015 e il 2100, le popolazioni di 33 paesi hanno un'alta probabilità di triplicare. Tra questi, le popolazioni di Angola, Burundi, Repubblica Democratica del Congo, Malawi, Mali, Niger, Somalia, Uganda, Tanzania e Zambia dovrebbero aumentare almeno di cinque volte entro il 2100. L’elevata della popolazione in paesi più poveri renderà più difficile per i governi sradicare la povertà e la disuguaglianza, combattere la fame e la malnutrizione.

 

 

 

 

 

 

 


Leggi anche:

Come saremo nel 2045: cosa cambierà?

Come saremo nel 2045: un nuovo rapporto

Il consumo mondiale di acqua confezionata e l’invasione delle bottiglie di plastica

 

Joomla templates by a4joomla