La copertura del ghiaccio marino nell'Oceano Artico si è ridotta drasticamente

Il ghiaccio artico come indicatore climatico

Il cambiamento climatico sta riscaldando la regione artica più velocemente di qualsiasi altro luogo sulla Terra, creando conseguenze drammatiche per tutti.

Il ghiaccio marino artico è sceso a un minimo storico nel luglio 2019 ed entro il 2050 fino al 45% delle infrastrutture artiche esistenti sarà ad alto rischio a causa del disgelo del permafrost, che sta anche rilasciando carbonio e metano che accelerano il riscaldamento globale attraverso il "feedback climatico".

Il cambiamento climatico ha sbloccato opportunità economiche legate a petrolio, gas, risorse minerarie e rotte marittime sempre più accessibili, ponendo ulteriore stress sulla biodiversità e sulle persone della regione. Nel frattempo, l'aumento dell'inquinamento da plastica ha messo in pericolo uno degli ambienti più incontaminati rimasti sul pianeta.

La copertura del ghiaccio marino nell'Oceano Artico si è ridotta drasticamente negli ultimi quattro decenni poiché le temperature nella regione si sono riscaldate a una velocità doppia rispetto al resto del globo.

L’oceano Artico e i suoi mari limitrofi (Chukchi, Siberia orientale, Laptev, Kara, Barents, White, Groenlandia e Beaufort e, secondo alcuni oceanografi, anche i mari di Bering e Norvegia) sono i bacini meno conosciuti al mondo a causa della loro lontananza, del clima ostile e della copertura perenne o stagionale di ghiaccio.

La copertura del ghiaccio marino nell'Oceano Artico si è ridotta drasticamente negli ultimi quattro decenni poiché le temperature nella regione si sono riscaldate a una velocità doppia rispetto al resto del globo. Questa tendenza dovrebbe continuare, con il risultato di estati tardive quasi libere dal ghiaccio marino nell'Artico entro la metà del secolo.

La temperatura superficiale, una componente essenziale del sistema climatico artico, guida e indica il cambiamento, controllando fondamentalmente lo scioglimento del ghiaccio e della neve. Inoltre, il profilo verticale della temperatura dello strato limite modula lo scambio di massa, energia e quantità di moto tra la superficie e l'atmosfera, influenzando altre componenti come le nuvole.

Molteplici fonti di osservazione, comprese le stazioni di superficie terrestri, forniscono prove che le temperature dell'aria vicino alla superficie artica sono aumentate più del doppio rispetto alla media globale.

Il ghiaccio marino artico influenza fortemente il clima dell'Artico e quello globale modulando gli scambi di massa, energia e quantità di moto tra l'oceano e l'atmosfera. Le variazioni nella copertura del ghiaccio marino artico influenzano anche la temperatura e l'umidità atmosferiche, i modelli del vento, le nuvole, la temperatura dell'oceano, la stratificazione termica e la produttività dell'ecosistema.

 il carattere del ghiaccio marino artico sta cambiando rapidamente. Il ghiaccio marino più giovane e più sottile è più suscettibile allo scioglimento, quindi la riduzione dell'età e dello spessore implica una maggiore variabilità interannuale di estensione.
Estensione ed età del ghiaccio marino artico di settembre

Estensione ed età del ghiaccio marino artico di settembre mostrate per (a) 1984 e (b) 2016, che illustrano riduzioni significative dell'estensione e dell'età (spessore) del ghiaccio marino. Il grafico a barre in basso a destra di ciascun pannello illustra l'area di ghiaccio marino (unità: milioni di km2) e le barre verdi rappresentano il valore record per ciascuna fascia di età.  (c) Mostra la tendenza dell'estensione dell'area del ghiaccio marino artico dell'era satellitare dal 1979 al 2016 per il mese di settembre. [Fonte figura: Global change]. Clicca sull’immagine per ingrandire

La stagione dello scioglimento del ghiaccio marino, definita come il numero di giorni tra l'inizio dello scioglimento primaverile e il gelo autunnale, si è allungata in tutto l'Artico di almeno cinque giorni per decennio dal 1979

 

 

 U.S. Global Change Research Program,  OUR CHANGING PLANET, 2022

USGCRP, 2017: Climate Science Special Report: Fourth National Climate Assessment, Volume I [Wuebbles, D.J., D.W. Fahey, K.A. Hibbard, D.J. Dokken, B.C. Stewart, and T.K. Maycock (eds.)]. U.S. Global Change Research Program, Washington, DC, USA, 470 pp.