Raggiungere emissioni nette zero richiederà una trasformazione dell'economia globale.

Le emissioni nette zero possono essere raggiunte solo attraverso una trasformazione universale di sette sistemi energetici e di uso del suolo. 

L’invasione russa dell’Ucraina ha costretto l’Unione Europea ad accelerare il passo della propria politica energetica e climatica.

Le emissioni di gas-serra dovranno stabilizzarsi entro il 2025 se vogliamo evitare un aumento catastrofico della temperatura globale. D’altro canto, il passaggio di tutti i settori economici all’energia pulita deve essere gestito con attenzione così da tenere conto delle inevitabili conseguenze economiche e sociali.

Per stabilizzare il clima e limitare i rischi fisici per il clima, la scienza del clima ci dice che è necessario ridurre l'aggiunta di gas serra nell'atmosfera a zero netto. 

Sette sistemi energetici e di uso del suolo agiscono come fonti dirette di emissioni globali. 

La silvicoltura e altri usi del suolo hanno funzione di pozzi naturali per l'anidride carbonica (CO2). I sistemi e le relative impronte di emissioni sono i seguenti:

L'anidride carbonica viene emessa attraverso la combustione di combustibili fossili per produrre energia (petrolio, gas e carbone), nonché attraverso emissioni non energetiche (ad esempio, emissioni associate a processi industriali come la riduzione del minerale di ferro per produrre acciaio e con la deforestazione). 

Raggiungere emissioni nette zero richiederà una trasformazione dell'economia globale.

Efficaci azioni di decarbonizzazione includono lo spostamento del mix energetico dai combustibili fossili verso l'elettricità a emissioni zero e altri vettori energetici a basse emissioni come l'idrogeno; adattare i processi industriali e agricoli; aumentare l'efficienza energetica e gestire la domanda di energia; utilizzare l'economia circolare; consumare meno beni ad alta intensità di emissioni; implementare la tecnologia di cattura, utilizzo e stoccaggio del carbonio (CCS) ; e potenziare i pozzi di gas serra sia di lunga che di breve durata.

Una caratteristica fondamentale di qualsiasi transizione verso emissioni nette zero è la sua universalità, attraverso i sistemi energetici e di uso del suolo e in tutta l'economia globale. 

Questo per due ragioni. In primo luogo, ciascuno di questi sistemi energetici e di uso del suolo contribuisce in modo sostanziale alle emissioni. Pertanto, ognuno di questi sistemi dovrà subire una trasformazione  se si vuole raggiungere l'obiettivo dello zero netto. In secondo luogo, questi sistemi sono altamente interdipendenti; le azioni per ridurre le emissioni devono svolgersi di concerto e su larga scala tra sistemi, settori economici e aree geografiche. Ad esempio, i veicoli elettrici sono preziosi solo nella misura in cui è stata raggiunta una produzione di elettricità a basse emissioni. Tutti i settori dell'economia partecipano a questi sistemi energetici. Allo stesso modo, tutti i paesi contribuiscono alle emissioni. Il raggiungimento dell'azzeramento delle emissioni nette richiederà quindi una trasformazione dell'economia globale.

Carbon neutralità vs Net Zero: qual è la differenza?

Ottenere la “Carbon neutrality” significa ottenere un risultato finale di zero emissioni di carbonio per un'azienda, un sito, un prodotto, un marchio o un evento. Una volta misurate le emissioni si cerca di ridurle nella misura in cui ciò è possibile e successivamente si compensano le emissioni rimanenti con una quantità equivalente di emissioni evitate o compensate (offset emissions); ciò può essere ottenuto acquistando crediti di compensazione delle emissioni di carbonio (carbon offset credits) per compensare la differenza.

Net Zero è invece un obiettivo più ambizioso che si applica all'intera organizzazione. Ciò significa ridurre le emissioni indirette di carbonio dai fornitori a monte (upstream suppliers) fino agli utenti finali, un'impresa complessa in un mondo in cui le aziende non controllano l'intera value chain.

value chain si intende l'insieme delle attività e processi aziendali necessari per creare e vendere un prodotto o un servizio, e comprende quindi le diverse fasi che vanno dall'idea al mercato, dalla progettazione fino alla distribuzione e ai servizi post-vendita, passando per l'approvvigionamento 

Lo Net Zero 2050 è stato definito dal Network for Greening the Financial System (NGFS). Questo scenario ipotetico rispecchia le aspirazioni globali di ridurre le emissioni di circa la metà entro il 2030 e di azzerarle entro il 2050. L’obiettivo è raggiungere zero emissioni nette di CO2 entro il 2050 per l'economia nel suo insieme. 

Affinché il mondo raggiunga lo Net Zero entro i tempi stabiliti dall'accordo di Parigi, la politica, la tecnologia e il comportamento devono cambiare su tutta la linea. Si prevede, ad esempio, che le energie rinnovabili debbano rappresentare il 70-85% dell'elettricità mondiale entro il 2050. È anche fondamentale ripensare al modo in cui alimentiamo i trasporti e migliorare l'efficienza della produzione alimentare. L'investimento in energie rinnovabili come l'energia solare ed eolica è un cardine, così come lo sviluppo di tecniche di rimozione e sequestro delle emissioni. 

 

McKinsey Sostenibility, The net-zero challenge: Accelerating decarbonization worldwide