Il ministero della difesa inglese ha redatto un nuovo rapporto dove descrive il nostro pianeta tra 30 anni.

 

 

Il punto di partenza è identificare le tendenze (modelli distinguibili di cambiamento) - ad esempio la crescita della popolazione mondiale. Il passo successivo è proiettare queste tendenze nel futuro analizzandone le potenziali conseguenze.

Le persone vivono più a lungo, la domanda di risorse quasi certamente crescerà. Probabilmente il bisogno di cibo e acqua aumenterà. Senza gestire adeguatamente lo stress idrico è probabile che 3,9 miliardi di persone soffriranno la scarsità d'acqua. E’ probabile che la domanda di energia raddoppierà entro il 2045, anche se le fonti rinnovabili non inquinanti riusciranno a far ridurre la nostra dipendenza dal carbone e idrocarburi.

Come aumenta lo stress sull'ambiente naturale: il cambiamento climatico, l'aumento del livello dei mari, la desertificazione e la riduzione della biodiversità sono tutte questioni che influenzeranno i prossimi anni.

Il progresso tecnologico sta avvenendo in quasi tutti gli aspetti della vita umana e provocherà dei cambiamenti significativi. Anche se, per la persona sarà sempre più difficile vivere in offline incrementando il rischio di attacchi informatici da criminali e terroristi.

Il nostro mondo tecnologico che cambia può avere un enorme impatto sul modo in cui saremo educati in futuro. I docenti possono avere un accesso a grandi quantità di informazioni. L'apprendimento sarà ulteriormente stimolato attraverso esercizi, giochi e simulazioni, con semplicità con il semplice tocco di un pulsante.

La scuola dovrà necessariamente cambiare, gli insegnanti dovranno cambiare e guidare gli studenti all’apprendimento con i mezzi moderni: ossia un’istruzione su misura. Il social networking probabilmente giocherà un ruolo importante nell'apprendimento. E’ necessario scegliere se questo tipo di apprendimento inevitabile sarà o meno seguito dagli insegnanti oppure proseguiranno in modo indipendente uno dall’altro.

L'apprendimento non potrà finire con la scuola - anzi, l'apprendimento diventerà probabilmente la norma. La disuguaglianza globale in materia di istruzione è destinato a rimanere, in particolare è improbabile che l'istruzione 'digitale' sia a disposizione di tutti.

La tecnologia cambierà il nostro ambiente di lavoro. Aumenterà il ruolo di sistemi robotici  o di "sistemi senza equipaggio". In contemporanea si osserverà una modifica della popolazione, la forza lavoro può cambiare e le persone lavoreranno più a lungo. Il tipo di lavoro cambierà e richiederà una maggiore flessibilità del lavoro, con contratti a breve termine e lavoro lontano dall'ufficio.

Tutti questi cambiamenti provocheranno una continua migrazione. 

 

 

 

 

 

 

 

 


Leggi anche:

Come saremo nel 2045: un nuovo rapporto

Il consumo mondiale di acqua confezionata e l’invasione delle bottiglie di plastica

Le grandi aziende ignorano il loro impatto sul clima