La produzione di materiali è un'importante fonte di emissioni di gas serra. Per ridurre le emissioni, le politiche mirano a migliorare l'efficienza dei materiali e l'economia circolare

La produzione di materiali è un'importante fonte di emissioni di gas serra. Per ridurre le emissioni, le politiche mirano a migliorare l'efficienza dei materiali e l'economia circolare

Dal 1995 al 2015, le emissioni di gas serra derivanti dalla sola produzione di materiale sono aumentate del 120%, con 11 miliardi di tonnellate di CO2-equivalente emesso nel 2015.

In proporzione alle emissioni globali, la produzione di materiale è passata dal 15 al 23%. 

In termini di primo utilizzo di materiali, due quinti dell'impronta di carbonio dei materiali è attribuita alla costruzione e due quinti alla produzione di macchinari, veicoli e altri prodotti durevoli. 

Le emissioni di GHG dalla produzione di materiale sono aumentate del 120% da 5 miliardi di tonnellate di CO2 equivalente (GtCO2e) nel 1995 a 11 Gt nel 2015, aumentando la loro quota sul totale globale dal 15 al 23%.

Emissioni di gas serra nella produzione di materiali nel periodo 1995-2015. Clicca sull'immagine per ingrandire.

La produzione di ferro e acciaio ha causato 3,6 GtCO2e nel 2011 e questo ammontava al 31% di tutte le emissioni causate dalla produzione di materiale. I successivi contributi più importanti sono stati dalla produzione di cemento, calce e gesso con il 24%, e gomma e plastica, comprese le plastiche di base, con il 13%. 

Metalli non ferrosi hanno contribuito al 10% e di prodotti minerali non metallici hanno contribuito al 14%, con il vetro da solo contribuisce al 4%. Le emissioni legate all'uso del suolo, tra cui deforestazione, pasta di legno, carta e prodotti in legno, ha causato un totale di 1 Gt (9%). Di questi materiali, la maggiore crescita delle emissioni è stata associata al vetro; sabbia e argilla; ferro e acciaio; cemento, calce e gesso; piombo, zinco e stagno; e altri prodotti di metalli non ferrosi, che sono aumentati del 160-170% nel periodo 1995-2015. 

La crescita più piccola è stata associata a carta, pasta di legno e prodotti in legno, pietra, rame e metalli preziosi .

Rapida crescita nelle economie emergenti

Nel 2015, poco più della metà delle emissioni legate alla produzione di materiale è avvenuta in Cina. La Cina ha quadruplicato quelle emissioni dal 1995, mentre India e Brasile hanno quasi triplicato le loro. 

Allo stesso tempo, le emissioni in Canada, Unione Europea (UE), Russia e Stati Uniti sono diminuite fino a un quarto. 

Parte della spiegazione sta nel commercio. Quando si guarda al contributo dei materiali all'impronta di carbonio del consumo dei paesi, solo la Russia ha registrato un calo sostanziale, l'UE ha visto un leggero calo (-4%), il Canada ha visto un aumento del 30% e gli Stati Uniti hanno visto un aumento del 9%

Quando queste economie postindustriali hanno iniziato a importare più prodotti manifatturieri, hanno anche esternalizzato la produzione di materiali, principalmente in Cina. Le importazioni nette costituivano un terzo dell'impronta di carbonio relativa ai materiali dell'UE; le esportazioni nette sono state pari al 13% delle emissioni cinesi legate ai materiali e al 18% delle emissioni dei BRITS (Brasile, Russia, Indonesia, Turchia, Sud Africa).

Tre quarti del drammatico aumento delle emissioni si sono verificati in Cina. 

Le esportazioni nette della Cina sono aumentate moderatamente da 0,3 a 0,6 Gt e quindi spiega solo una piccola parte della crescita. Invece, è lo sviluppo guidato dagli investimenti della Cina che serve come spiegazione per questo rapido aumento: la superficie residenziale è aumentata da 10 a 30 m2 per persona, e la Cina ha costruito una rete ferroviaria ad alta velocità di prim'ordine e ha costruito molte strade, ponti, porti e fabbriche. 

Estendere la durata degli edifici da 23 anni a 60 anni, fermare la costruzione di appartamenti non occupati e passare dall'edilizia e dall'industria pesante ai servizi può ridurre drasticamente la domanda di materiale e le emissioni associate. 

I progetti leggeri  e i materiali a basse emissioni di carbonio  offrono opzioni di mitigazione dei gas serra per i paesi che entrano in fasi di rapido sviluppo e i miglioramenti nel riutilizzo e nel riciclaggio dei materiali hanno la maggiore applicabilità nelle economie sviluppate, che hanno le maggiori scorte di capitale prodotto.

La Cina si sta muovendo verso un'economia dei servizi e sta aumentando la sua efficienza. 

Le emissioni della produzione di cemento si erano stabilizzate. Le notizie attuali, tuttavia, indicano che alla luce del crollo dell'economia mondiale indotto dal COVID-19, la Cina ha nuovamente stimolato gli investimenti, con conseguente aumento della domanda di minerale di ferro sul mercato mondiale. 

Si prevede un aumento dei consumi dei materiali   in regioni come l'India e l'Africa subsahariana, dove la crescita della popolazione è ancora rapida e l'urbanizzazione è in una fase iniziale. 

Importante e necessario trovare modi per urbanizzare e svilupparsi in modo che si utilizzi meno materiali costruendo strutture più leggere e sistemi di trasporto collettivo.

Hertwich, EG Increased carbon footprint of materials production driven by rise in investments, Nat. Geosci. 14, 151–155 (2021).