Ein Volk, ein Heimat: un popolo, una patria

Quando all'inizio del X secolo le ripetute invasioni ungheresi e la debolezza della tarda monarchia carolingia scosse l'Impero della Franconia orientale, Heinrich (Enrico I di Sassonia) riuscì a costruire una posizione di leadership in Sassonia attraverso abili legami matrimoniali. Approfittò del fatto che le faide tra le potenti famiglie aristocratiche per la supremazia nelle singole aree tribali dell'Impero della Franconia orientale portarono alla costituzione delle potenze medie regionali, i successivi ducati .

A differenza del suo predecessore Konrad I.Heinrich cercò come re dei Franchi orientali di non esercitare più il dominio sull'intero impero. Piuttosto, consolidò il suo dominio sui duchi della Franconia orientale, i duces, attraverso alleanze di amicizia e una rinuncia di vasta portata all'esercizio del potere al di fuori delle strutture stabilite ma instabili.

Dopo un armistizio di nove anni con gli ungheresi, che usò per sviluppare ampie misure difensive, riuscì nel 933 a sconfiggere gli ungheresi, che erano stati a lungo considerati invincibili. In un allontanamento dalla pratica carolingia dei suoi predecessori, l'impero non fu più diviso dopo la sua morte, ma passò invece al figlio maggiore dal suo secondo matrimonio, Otto, mentre il figlio maggiore Thankmar non è stato preso in considerazione.

L'epoca di Enrico I è stata una delle fonti più povere dell'intero Medioevo europeo. Le storie ottoniane, scritte solo decenni dopo la sua morte, rendono particolare omaggio all'unificazione e alla pacificazione dell'impero da parte di Heinrich, sia internamente che esternamente.

Per molto tempo Heinrich fu considerato il primo re "tedesco" dell'"Impero tedesco".

È stato solo nella ricerca moderna che ha prevalso l'opinione che il Reich tedesco non è avvenuto attraverso un atto, ma in un lungo processo. Tuttavia, Heinrich continua a svolgere un ruolo decisivo in questo.

La famiglia di Enrico può essere fatta risalire genealogicamente solo fino al nonno di Enrico, Liudolf, dal lato paterno. Egli è documentato più volte come comes (al plurale comites, conte in italiano, Graf in tedesco, Comte in francese, Count in inglese, Conde in spagnolo, da cui i rispettivi nomi dei possedimenti, contea, Grafschaft, comté, county, condado) e come tale aveva il compito di esercitare i diritti reali in una certa area geografica, il comitatus. I beni dei Liudolfinger erano sulle pendici occidentali dell'Harz , su Leine e Nette con Gandersheim , Brunshausen , Grone e forse Dahlum e Ahnhausen. La dinastia doveva questa ricchezza in larga misura alla sua stretta connessione con i re carolingi dell'Impero della Franconia orientale, poiché gli antenati di Liudolf, come partigiani della Franconia nella guerra di Sassonia, non erano stati tra gli avversari di Carlo Magno. I luoghi più importanti del loro dominio e centri della memoria storica della famiglia erano le comunità femminili (conventi condivisi anche con donne laiche), che fondarono prima a Brunshausen e dal 881 nella vicina Abbazia di Gandersheim . Numerose donazioni e fondazioni attestano i suoi stretti rapporti con l'Abbazia di Gandersheim.

Finora il casato dei Liudolfinger aveva cercato di entrare in rapporti matrimoniali con membri del popolo francone.

Enrico riuscì a sposare Hatheburg, una delle due figlie del ricco nobile sassone Erwin von Merseburg, e ad espandere così i possedimenti liudolfingi.

Su questo matrimonio, se ne fosse derivato un figlio, c'erano seri problemi di diritto canonico, poiché Hatheburg era già diventata suora dopo il suo primo matrimonio. Hatheburg fu rimandata al monastero dopo poco, ma Enrico mantenne la sua ricca eredità a Merseburg e dintorni.

Nel 909, il 33enne Enrico sposò Mathilde, che probabilmente aveva solo 13 anni, discendente del duca sassone Widukind, nel palazzo reale di Wallhausen.

La badessa di Herford e la nonna Mathilde con lo stesso nome hanno dato il suo consenso. Grazie al padre di Mathilde Dietrich, un conte della Vestfalia, i Liudolfinger furono in grado di stabilire collegamenti con le parti occidentali di quella che allora era la Sassonia.

La discendenza della famiglia da Widukind ha alimentato il mito di Enrico come padre del popolo tedesco.

Widukind fu duca dei Sassoni nell'odierna Vestfalia, nemico di Carlo Magno durante le guerre sassoni. Sposò Geva di Vestfold (ca. 770-800), figlia del re danese Gormo I e, secondo una delle tradizione, sorella dei sovrani danesi Ragnar e Sigfrido (lo stesso Sigfrido della saga dell’anello del Nibelungo). Dopo che Carlo Magno ebbe sottomesso nel 777 i Sassoni, Widukind si rifugiò presso i parenti danesi della moglie. Quando il sovrano franco si recò in Spagna nel 778, Widukind tornò nella sua terra e diede vita a una rivolta, che sfociò in alcune incursioni nel territorio franco. La repressione di Carlo Magno fu spietata. Le successive lotte videro coinvolti anche Vendi e Frisoni, e durarono fino a quando Carlo Magno riuscì a costringere Widukind ad abbracciare il Cristianesimo e farsi battezzare ad Attigny, nelle Ardenne nel 785, con la stragrande maggioranza del suo popolo e non prese più parte alle successive guerre sassoni. Widukind, amico e figlioccio del re franco, divenne un fondatore di chiese, tanto che venne soprannominato Widukind il Benedetto, venendo celebrato il 7 gennaio. Morì nell'810. Da lui prende il nome il Codex Wittekindeus.

Secondo la tradizione, venne sepolto in una tomba monumentale nella chiesa di Enger, nei pressi di Herford, che però non risale al IX secolo e si dubita, quindi, che possa esservi veramente sepolto Widukind.

Da lui probabilmente discendono gli Immedingi e forse Lotario I di Stade, a ogni modo è tradizionalmente ritenuto il capostipite del casato Wettin.

La tradizione storiografica nazionalista del XIX secolo lo ha trasformato in un eroe leggendario della nazione tedesca, avendo combattuto per la libertà politico-religiosa del suo popolo.

Nella sua politica nei confronti dei vicini imperi occidentali, anch'essi di tradizione carolingia, Enrico attribuì grande importanza all'acquisizione di importanti reliquie, il cui trasferimento avrebbe dovuto servire al miglioramento spirituale della futura abbazia di Quedlinburg. Heinrich cercò la lancia sacra, poiché doveva essere considerata una reliquia di Cristo. Minacciò persino la guerra per la disputa della lancia sacra. La storiografia riporta che Rodolfo II di Borgogna consegnò la Sacra Lancia durante il suo soggiorno documentato alla Concilio di Worms nel 929. Secondo le ultime ricerche, tuttavia, non è chiaro se la lancia sacra conservata a Vienna sia mai stata consegnata al re Enrico e in quale forma.

Durante la crisi al potere dei carolingi franchi occidentali, Carlo il Semplice inviò un grido di aiuto ad Enrico e gli offrì in cambio la mano di San Dionisio. Enrico chiese le spoglie del santo, ma ricevette solo la sua stola e il personale. Il trasferimento delle sacre reliquie in Sassonia e nell'impero franco orientale era già iniziato nel periodo carolingio; Enrico lo aumentò considerevolmente.

Enrico risolse tensioni e conflitti con la nobiltà offrendo patti di amicizia ai suoi antichi avversari.

Il rapporto tra il regno ed i duchi di Svevia, Franconia e Baviera fu determinato da amicizia e ampia indipendenza, ma solo dopo un dimostrativo atto di subordinazione da parte di ognuno a Enrico. A differenza del suo predecessore, Enrico non cercò di appropriarsi dei privilegi e dei mezzi di potere della regalità carolingia, ma li lasciò al di fuori del proprio dominio ai duchi, che avevano assunto la posizione di leadership nella della Franconia orientale. L'attuale equilibrio di potere e la rinuncia al potere al di fuori della Sassonia furono riconosciuti da Enrico, ma i duchi si impegnarono per il supporto permanente e prestarono il servizio militare nelle campagne militari in difesa l’uno degli altri. I duchi compaiono nella scala nobiliare per primi dopo il re ed erano i più alti in rango quando apparivano alla corte reale. I sigilli e le gesta dei duchi, così come le monete ducali, dimostrano che ai duchi furono concessi anche simboli per rappresentare il potere reale.

Svevia e Baviera rimasero regioni lontane dal re. I duchi avevano una parte nel potere reale e, per così dire, sostituivano la presenza reale nelle loro terre. Nei ducati della Germania meridionale, la casa reale carolingia sembra essere fusa con le fondamenta ducali, così che il re fu privato della base materiale per mantenere la corte. Dopo aver reso omaggio ai duchi, il re probabilmente non è più entrato di persona in queste regioni e non vi si è mai autenticato. Dal 913 al 952, nessun documento reale emesso in Svevia o in Baviera è sopravvissuto. Tuttavia, una presenza reale nell'impero non sembra essere stata necessaria e nemmeno documentata. Le mosse pacifiche nei ducati della Germania meridionale iniziate nel 952 non si applicarono mai specificamente a quei territori, ma sono stati condizionanti dalla politica italiana. Solo intorno all'anno 1000 sotto Enrico II tutte le parti dell'impero sono regolarmente visitate dal re.

Ciò nonostante abbiamo certezza che cavalieri bavaresi aiutarono Enrico nella guerra contro gli Ungari, come ad esempio Rasso von Andechs. Enrico fu il promotore di questa guerra, in quanto l’invasione da oriente minava l’unità e la sicurezza dell’intero regno. Enrico era impotente contro gli invasori ungheresi nel 924 e nel 926. Per una felice coincidenza, tuttavia, un principe ungherese fu catturato e gli ungheresi accettarono un armistizio di nove anni per il suo rilascio. Durante il periodo dell'accordo di pace con gli ungheresi, Enrico guidò il suo esercito in diverse campagne contro gli slavi.

Secondo lo storico Widukind, l'intensificazione delle azioni militari contro gli slavi era legata all'imminente guerra contro l'Ungheria. Il rapporto degli Slavi con i Sassoni era caratterizzato da vendette e incursioni reciproche. Nessuno sforzo è stato tramandato dai Sassoni per integrare le tribù pagane degli Slavi nell'impero franco orientale e per costringerli a credere nel cristianesimo. Secondo il Widukind, la mitezza dimostrata da Enrico nei confronti dei duchi tedeschi era volta proprio a compensare la sua debolezza nei confronti degli stranieri (extranei).

Un vero esercito imperiale non fu mai richiamato nel X secolo. Le relazioni sono mostrate nelle fonti da un lato come rappresaglie spesso di terrificanti crudeltà, ma dall'altro da trattative e rapporti di carattere più civile. Secondo Wolfgang Giesei i territori slavi soggiogati sarebbero stati soggetti alla politica di governo di Enrico a lungo termine. Nell'impero della Franconia orientale c'erano solo poche opportunità per Enrico di dare soddisfazione alla lotta per l'onore e la proprietà tipica dell'aristocrazia dell’epoca. L'aristocrazia aveva un ampio campo di attività al di là dell'Elba e della Saale: le guerre dovevano essere intraprese, il bottino poteva essere vinto, erano disponibili posizioni redditizie e non c'erano quasi limiti all'acquisizione di terre.

Il controllo dei popoli slavi era regolato attraverso l'istituzione di "marchi", su cui guardavano i singoli duchi sassoni.

Il castello di Meißen è stato fondato per monitorare e fornire sicurezza militare per l'area circostante . Di fronte alle mura della città di confine di Merseburg, Heinrich e la “banda di Merseburg” (legio Mesaburionum) fondarono un'associazione militare di guerrieri banditi dalla loro patria per rapina o omicidio colposo. Ricevettero l’amnistia dalla pena grazie alla loro forza fisica e alla loro idoneità alla guerra. Dovrebbero essere usati da Merseburg per rappresaglie nel paese slavo.

La santa lancia di Longino

Dopo anni di preparazione a una vera guerra, Enrico probabilmente rifiutò il tributo di tregua all'ambasciatore ungherese nel 932. All'inizio del marzo 933 gli ungheresi apparvero ai confini della Sassonia e della Turingia. Enrico iniziò la battaglia il giorno di San Longino (secondo la tradizione il soldato romano Quinto Cassio Longino che trafisse il costato di Gesù sulla croce). Ovviamente voleva mettere al centro della richiesta di assistenza celeste il potere vittorioso della Lancia Sacra, acquisito poco prima dal re borgognone Rodolfo II appartenuta proprio a Longino. Il 15 marzo 933, l'esercito di Enrico sconfisse gli ungheresi nella battaglia di Riyadh, un luogo non chiaramente identificato, probabilmente sull'Unstrut. Secondo la maggior parte delle ricerche, tutti i popoli (gentes) dell'Impero della Franconia orientale furono coinvolti nella battaglia, ad esempio Baviera, Svevia, Franconia, Lorena, Sassonia e Turingia. La vittoria di Enrico lasciò un'impressione duratura anche nella Francia occidentale. Il cronista Flodoard von Reims riferisce che 36.000 ungheresi persero la vita nella battaglia. Un'affermazione che, tuttavia, è considerata inaffidabile nella ricerca.

Il Widukind sottolinea l'immediatezza divina del re, in particolare nella vittoria in battaglia di Enrico. Dopo la vittoria, si dice che l'esercito abbia lodato Enrico come "padre della patria e imperatore".

Enrico appare attraverso la vittoria come il Signore del regno confermato da Dio e protettore del cristianesimo.

Il significato della vittoria è reso chiaro dai servizi di ringraziamento e dall'iscrizione nei manoscritti liturgici per il 15 marzo, forse ordinata dallo stesso re : "Re Enrico, che sconfisse gli ungheresi".

La successione

Si sa con chiarezza che la successione al trono di Ottone Magno era iniziata molto prima della morte di Enrico. Questo non era affatto scontato, perché la pratica carolingia era quella di dividere l'impero tra i figli legittimi. Con l'abbandono di questa pratica si giustificava la successione individuale, l'indivisibilità della regalità e dell'impero, che avrebbero dovuto conservare anche i successori di Enrico. Tuttavia, questa misura non sarà vista come un segno della forza del governo reale. Piuttosto, Enrico fu costretto a prendere in considerazione i duces: non poteva più dividere l'impero.

Con l'eccezione dell'occupazione dei ducati, dove la vicinanza ai re e la parentela con i re erano i prerequisiti decisivi prima dell'effettivo diritto di eredità, i Liudolfinger, da quando Enrico ha riconosciuto l'ereditarietà dei conti e degli altri titoli nel dominio aristocratico, hanno messo in atto per la loro dinastia un processo che i carolingi cercarono di impedire fino alla fine. Tuttavia, questo sviluppo è intervenuto fondamentalmente nelle strutture del clan e della famiglia e ha portato a conflitti sotto il figlio di Enrico Otto, poiché ha ridotto le richieste degli uomini più illustri più vicini al re.

 

Il regno di Enrico, che fu in gran parte caratterizzato dalla pacificazione interna e dall'unificazione, terminò nel 936 quando suo figlio Ottone I salì al potere.

Nei primi anni Otto ha ignorato le condizioni del risarcimento creato dal padre e ha respinto le richieste dei singoli governanti nell'assegnazione degli uffici. Non ultimo, le sue decisioni erano dirette contro gli "amici" del padre, che "non rifiutavano mai nulla". I regolamenti sull'eredità di Enrico contribuirono in modo significativo ai conflitti che scoppiarono durante il regno di Otto. Il figlio successivo Enrico II abbandonò la pratica di lasciare in eredità l'intero impero al figlio maggiore e per questo lo fecero diventare un ribelle. Le varie piccole rivolte che hanno innescato la prima crisi di potere non potranno essere risolte fino al 941.

Enrico venne soprannominato “l’uccellatore” appena nel XVI secolo, quando si impose la leggenda che fosse venuto al corrente della sua elevazione ad imperatore mentre era a caccia di uccelli.

Il castello e monastero di Quedlimbburg

Enrico I fu anche l’ispiratore dei deliri di Heinrich Himmler, che non solo ne celebrava i fasti come padre fondatore del Reich, ma credeva fermamente di essere la sua reincarnazione. Nel 1936, celebrando il millenario della sua morte con fasti inauditi a Quedlimburg, luogo simbolo per Enrico e rifugio di sua moglie Matilde, ebbe a dire:

«Noi dobbiamo onorare la sua memoria e farne in questo sacro luogo, in silenziosa meditazione, il nostro modello. Noi dobbiamo proporci e riproporci di fare nostre le sue virtù umane e di comando, quelle con cui rese felice il nostro popolo un millennio fa. E dobbiamo infine convincerci che il miglior modo d'onorarlo è di onorare l'uomo che mille anni dopo re Enrico ha ripreso la sua eredità umana e politica con una grandiosità senza precedenti: e quindi di servire il nostro Führer, Adolf Hitler, per il bene della Germania e del germanesimo, con i pensieri, le parole e i fatti, con l'antica fedeltà e nell'antico spirito.»

La cripta del castello di Wewelsburg

Allo stesso modo Himmler fu un fanatico del paganesimo che riteneva l’unica vera cultura che avrebbe potuto unificare il popolo tedesco. L’odio profondo del nazifascismo per i popoli slavi è riconducibile dal punto di vista ideologico, al mito di Enrico I esaltato da Himmler come difensore del popolo tedesco contro i barbari slavi. In nome di Enrico I, Himmler fece restaurare ed ergere a centro esoterico del nazismo il castello di Wewelsburg, che si narrava essere stato l’ultimo baluardo del paganesimo contro le incursioni degli slavi. In questo castello c’era anche la scuola superiore di cultura nazista, una sorta di setta segreta dell’orrore.

La spilla che veniva data a chi usciva dalla scuola di Wewelsburg

In questo clima segnato dall’insicurezza l’Impero carolingio appare sempre di più come una mitica età dell’oro da far rivivere; viva è però la consapevolezza che della dignità imperiale non possa essere investito che un sovrano in grado di imporsi all’interno e al di fuori del proprio regno.

L’Impero viene dunque restaurato da Ottone I, che grazie alle forze ecclesiastiche riesce a dare ordine alle strutture interne al proprio regno.

 

Fonti:

Giovanni Isabella, Modelli di regalità nell’età di Ottone I, Tesi di dottorato in Storia Medievale, Università degli Studi di Bologna

WIDUKINDI MONACHI CORBEIENCIS Rerum Gestarum Saxonicarum libri tres, ed. P. Hirsch – H. E. Lohmann, MGH Scriptores rerum Germanicarum in usum scholarum separatim editi 60, Hannover 1935

Liutprando di Cremona : Opere . In: Fonti sulla storia dell'era imperiale sassone

Franco Savelli  e Tonino Pau - Dal Feudalesimo ai Comuni - Conflitto tra Papato ed Impero

Alberto LEONI - Carlo Magno e la guerra contro i vietcong sassoni (storia di uomini di spada e di fede)

Nicholas Goodrick-Clarke, Le radici occulte del nazismo,

Gerd Althoff, Hagen Keller : Il tempo degli ultimi carolingi e ottoniani. Crisi e consolidamenti 888-1024

Gerd Althoff e Hagen Keller: Heinrich I e Otto il Grande: un nuovo inizio nell'eredità carolingia

 

 


Scritto da:

Andrea Acanfora