sostenibilità_banner

Il Keyhole Garden offre un’idea per un sistema alimentare urbano.

Negli ultimi decenni, l'accesso a fonti fossili abbondanti e facilmente disponibili ha contribuito a notevoli progressi nelle tecnologie e alla rapida urbanizzazione. 

La crescita senza precedenti della popolazione e la migrazione dei residenti rurali verso le aree urbane hanno trasformato le città in punti caldi per le principali attività antropiche. Ciò ha posto le città alla base delle grandi sfide ambientali tra espansione della popolazione, cambiamenti climatici e esaurimento delle risorse. 

Spinte da questi problemi, le città stanno indirizzando il corso dell'utilizzo dei rifiuti verso strategie di produzione e consumo sostenibili adottando i principi dell'economia circolare (CE). 

I rifiuti organici generati in enormi quantità possono essere considerati una risorsa preziosa. 

Il Keyhole Garden offre un’idea di come trasformare i rifiuti domestici in nutrienti.

I 2/3 del consumo globale delle risorse si verifica negli agglomerati urbani.  I rifiuti che si generano dopo l'uso vengono stoccati / depositati all'interno delle aree urbane. L'ottanta per cento dei prodotti finisce come rifiuto nelle discariche o viene incenerito entro 6 mesi dall'uso e solo il 10% viene riciclato in nuovi prodotti.  I materiali tecnici vengono riutilizzati, riciclati, rigenerati o rinnovati mentre i materiali biologici vengono generalmente collocati in discarica. La gestione di questi rifiuti comporta un onere economico oltre al deterioramento dell'ambiente.

I materiali biologici urbani sono una miniera di nutrienti ed energia preziosi, che possono essere ricondotti ai cicli biogeochimici e hanno la capacità di sostenere e ripristinare il capitale naturale della Terra. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario utilizzare un approccio di economia circolare.

 

All'inizio della rivoluzione industriale e dei progressi tecnologici, il profilo globale dell'agricoltura è cambiato radicalmente. Il settore agricolo nel suo complesso occupa ormai la metà della superficie vegetale del pianeta; utilizza il 69% di acqua dolce estratta; e, insieme con il resto del sistema alimentare, è responsabile per il 25-30% delle emissioni di gas serra. 

Queste moderne pratiche agricole utilizzano una varietà di input chimici come fertilizzanti e pesticidi, macchinari pesanti, monocolture di raccolti in enormi acri di terra e intensificazione della zootecnia. Il risultato netto è l'uso di enormi quantità di energia e sostanze chimiche, inquinamento atmosferico e idrico, creazione di zone morte, riduzione della fertilità del suolo, aumento delle emissioni di gas serra e perdita di biodiversità, ecc. In questo contesto, nei sistemi agroalimentari sono necessari modelli alternativi di produzione e consumo per superare questi problemi e invertire le tendenze. 

Considerando il fatto che si prevede che l'80% del cibo totale sarà consumato nelle aree urbane entro il 2050, le città possono essere viste come punti caldi utili per adattare gli sforzi allo sviluppo di pratiche circolari nel sistema agroalimentare.

Sistemi alimentari urbani

Un sistema alimentare urbano è un sistema alimentare ibrido che comprende vari modi di approvvigionamento alimentare, ovvero una combinazione di diversi modi per produrre, procurarsi, distribuire o vendere cibo nelle aree urbane. Questo può variare dalle verdure a foglia coltivate all'interno della città ad altri prodotti alimentari come il riso che viene coltivato e trasportato dall'entroterra circostante o altri alimenti trasformati prodotti a migliaia di chilometri di distanza. 

Il sistema alimentare nelle aree urbane è strettamente legato all'approvvigionamento alimentare globale. Questo sistema alimentare globalizzato ha portato molti vantaggi alle aree urbane come la disponibilità costante e per tutto l'anno di cibo a prezzi inferiori. Tuttavia, questo ha anche portato con sé alcuni costi, come la scarsità e l'esaurimento delle risorse naturali (energia, terra e acqua), i cambiamenti climatici, la necessità di nutrire la popolazione urbana in aumento, e l'impatto sulla salute dovuto al cambiamento delle diete. 

I rifiuti alimentari costituiscono una percentuale importante dei rifiuti solidi urbani. Del cibo (di origine vegetale, latticini, carne e oli), il 30% non viene mai consumato.  I rifiuti alimentari nelle aree urbane sono principalmente collocati in discarica e comportano anche costi ed energia durante la raccolta e il trasporto dei rifiuti alle discariche. 

Sistema alimentare urbano rigenerativo attraverso l'approccio all'economia circolare

Sono stati proposti e / o implementati vari approcci per promuovere la transizione verso pratiche alimentari circolari negli spazi urbani. 

La produzione di cibo all'interno delle aree urbane è stata raccomandata come un modo per affrontare contemporaneamente una vasta gamma di problemi ambientali, sociali e sanitari. 

Altre strategie includono la promozione dell'innovazione e della creatività progettando nuovi prodotti alimentari (proteine ​​monocellulari, un'alternativa ai latticini e ai prodotti a base di carne) e processi che consentono l'uso di prodotti a base biologica per sostituire i materiali a base fossile.

Un altro modo importante per innescare il cambiamento verso un sistema alimentare migliore nelle aree urbane è coltivare cibo a livello locale attraverso pratiche rigenerative, che aiutano a migliorare la qualità complessiva di un ecosistema. Questo concetto generale include molte pratiche rigenerative come l'uso di fertilizzanti organici, rotazione delle colture, agricoltura mista, agroecologia, agroforestazione e permacultura. 

L'idea è di imitare i sistemi naturali a circuito chiuso e senza sprechi. L'ingrediente chiave è lavorare in sinergia con le risorse naturali e adottare i principi dell’economia circolare, della biomimetica e dalla culla alla culla. Il principio fondamentale di queste strategie è che qualsiasi materiale che è considerato rifiuto dovrebbe essere reintrodotto nel sistema come risorse di input o trasformato in materiale pregiato.

Giardini del buco della serratura

Il Keyhole Garden (KHG) è un giardino rialzato circolare delimitato da pietre ed è anche strettamente associato alle pratiche di permacultura. 

Schema del Keyhole Garden 

Il KHG è un giardino autorigenerante con una dentellatura a forma di buco della serratura su un lato e un'unità circolare di compostaggio organico al centro. Questo sistema è diventato popolare per la prima volta in Africa, dove la scarsità d'acqua e la disponibilità di terra fertile sono un problema. 

Il KHG è stato mantenuto aggiungendo cibo, frutta o rifiuti vegetali. Il liquido rilasciato da sostanze organiche biologicamente decomposto comprende carbonio (C), azoto (N), fosforo (P) e potassio (K). L'acqua mentre filtra nel letto del suolo si muove lungo il bidone e trasporta i nutrienti, aiutando così la crescita della pianta.

Questo sistema può essere vantaggioso nelle aree urbane in quanto sono semplici, facili da costruire e mantenere, il che garantisce un giardinaggio senza sforzo, utilizza molta meno acqua e supera anche i vincoli di spazio nelle aree urbane. 

Passare da una pratica agricola lineare a un approccio circolare ha il potenziale per ridurre l'inquinamento e le emissioni di gas serra, aumentare il sequestro di carbonio nel suolo e ridurre il consumo di energia e acqua. Aiuta anche a ridurre al minimo l'uso di fertilizzanti chimici. Limitare l'uso di fertilizzanti aiuterà a reintegrare N, P e K nel terreno e chiudere i circuiti nutritivi.

Questi giardini sostenibili possono essere gestiti da individui, cooperative, organizzazioni private e istituzioni governative. I KHG possono anche essere una grande aggiunta ai sistemi educativi come le scuole per promuovere i concetti di pratiche di sostenibilità tra gli studenti. Così, la KHG è un buon esempio di un disegno circolare che è eco-compatibile e sostenibile e aiuta a risparmiare spazio con i rifiuti e il riciclaggio dei nutrienti

 

Fino ad oggi, l'aumento della produttività è stato un parametro chiave per misurare il successo dell'agricoltura e il suo contributo al rilancio dell'economia. Tuttavia, le discussioni in tutto il mondo sono tenacemente sollevate sulle conseguenze catastrofiche delle moderne pratiche agricole sulla salute umana e sull'ambiente. D'altra parte, si ritiene anche che questo cambiamento climatico possa essere invertito da pratiche agricole rigenerative che sono in grado di migliorare il suolo come pozzo di carbonio. 

In questo contesto, la prospettiva attuale evidenzia il ruolo multifunzionale delle pratiche agricole rigenerative nei concentrati urbani. 

Le attività agricole all'interno dei confini urbani possono essere incoraggiate, rendendo le città resilienti e autosufficienti. Quando il cibo viene coltivato in giardino, può rinnovare un senso di connessione con il sistema alimentare tra le persone nelle aree urbane e incoraggiarle ad adottare diete sane. Inoltre, attraverso l'agricoltura rigenerativa, è possibile ottenere alimenti con una migliore qualità nutritiva e conservabilità e può anche ridurre la quantità di materiale plastico utilizzato per l'imballaggio. 

Il KHG può essere considerato un esempio di una pratica di giardinaggio con un tocco di sostenibilità. 

 

Mohan, S.V., Hemalatha, M., Amulya, K. et al. Decentralized Urban Farming Through Keyhole Garden: a Case Study with Circular Economy and Regenerative Perspective. Mater Circ Econ 2, 12 (2020).