Qualche anno fa il koala è stato ufficialmente classificato come una specie minacciata

 

Il koala  (Phascolarctos cinereus) è un mammifero marsupiale australiano. Qualche anno fa il koala è stato ufficialmente classificato come una specie minacciata in vaste aree dell’Australia dopo due decenni di devastanti perdite di popolazione.

#animalivulnerabili, #koala, #Australia

Il koala, Phascolarctos cinereus, detto anche "piccolo orso", è un mammifero marsupiale australiano, unico rappresentante vivente del genere Phascolarctos e della famiglia Phascolarctidae, o marsupiali arrampicatori.

Il koala ha grandi orecchie arrotondate e pelose, una grossa testa, occhi vivaci, muso largo e naso nudo e schiacciato. Ha una pelliccia di colore grigiastro con dei piccoli ciuffi sul petto di colore bianco: la parte superiore del corpo è di un colore grigiastro. Il pelo è lungo, morbido, lanoso e, per via della dieta, odora di eucalipto. Il corpo è tozzo e sprovvisto di coda, i piedi hanno cinque dita prensili, con artigli affilati che gli permettono di arrampicarsi sugli alberi, sui quali vive in piccoli gruppi.

Areale del koala.

Areale del koala. Clicca sull’immagine per ingrandire

Il koala era precedentemente comune in tutta l'ampia fascia di foreste e boschi dominati da Eucalyptus spp. che si estende dal Queensland settentrionale all'angolo sud-orientale del continente South Australia, Australia. 

La sua gamma geografica totale si è notevolmente ridotta a causa della perdita di vaste aree di habitat dall'insediamento europeo. 

Qualche anno fa il koala è stato ufficialmente classificato come una specie minacciata in vaste aree dell’Australia dopo due decenni di devastanti perdite di popolazione.

Le attuali minacce a questa specie includono la continua distruzione, frammentazione e modifica dell'habitat (che li rende vulnerabili alla predazione da parte di cani, veicoli e altri fattori), incendi boschivi e malattie, nonché mortalità associata alla siccità nei frammenti di habitat. 

Duramente colpiti dalla siccità, dalla perdita di habitat e dagli attacchi di altri animali, compresi i cani domestici, la popolazione di koala australiana è stata anche devastata dalle malattie - tra cui un ceppo trasmesso sessualmente di clamidia e il koala retrovirus (KoRV), l'equivalente dell'HIV, spesso trovato in una combinazione devastante.

Il koala fu cacciato negli anni '20, portandolo quasi all'estinzione, per la loro pelliccia. Mangia solo le foglie di alberi di eucalipto e trascorre gran parte del tempo dormendo. Le popolazioni di koala esistenti - al massimo 100.000 animali - rappresentano ora l'unico rappresentante superstite della famiglia Phascolarctidae, dopo l'estinzione di molte altre specie di koala negli ultimi 15 milioni di anni.
La distribuzione complessiva dei Koala è stata ridotta dall'insediamento europeo. Questo calo è dovuto principalmente alle malattie, incendi e distruzione degli habitat diffusa nei primi decenni del 20 ° secolo. 

Gli studiosi prevedono che l’incremento del disboscamento per l’agricoltura potrebbe portare all’estinzione dei koala nello Stato australiano del Nuovo Galles del Sud entro il 2050.

L’allarme arriva dagli ambientalisti. In un rapporto del Wwf e del Nature Conservation Council, gli studiosi hanno utilizzato immagini satellitari per monitorare il tasso di accelerazione del disboscamento nello Stato per stimare l’impatto sulle specie vulnerabili e in via di estinzione.

Secondo stime del Wwf Australia, ci sono probabilmente meno di 20mila koala rimasti nel Nuovo Galles e al ritmo attuale, molto probabilmente si estingueranno già nel 2050. Indagini effettuate nel Queensland, mostrano che il 94% dei decessi di koala sono causate della perdita di habitat.

I koala sono classificati come «vulnerabili» a causa della perdita di habitat, ma la Fondazione sostiene che la classificazione dovrebbe passare a quella di «in pericolo critico» e che dovrebbero essere protetti più habitat.

 

IUCN red list