Gli oceani del mondo stanno diventando sempre più acidi.

 

Gli oceani del mondo stanno diventando sempre più acidi. Più acidi diventano gli oceani, meno sono in grado di continuare a prelevare l'anidride carbonica dall'atmosfera. Questo è un risultato diretto della dissoluzione dell'anidride carbonica in acqua, che rende l'acqua più acida.

Man mano che l'anidride carbonica aumenta nell'atmosfera, più anidride carbonica si dissolve nelle acque oceaniche. Quando l'anidride carbonica si dissolve in acqua, forma acido carbonico. Ciò si traduce in un pH più basso degli oceani del mondo.

Il termine acidificazione degli oceani è usato per descrivere il continuo aumento dell'acidità (diminuzione del pH dell'oceano) causato dall'oceano che assorbe una parte della CO2 atmosferica. L'acidificazione degli oceani, come i cambiamenti climatici, è una terribile conseguenza della vita in un mondo ad alta CO2 e per questo motivo, l'acidificazione degli oceani è stata soprannominata il "gemello malvagio dei cambiamenti climatici".

 

I biologi non conoscono ancora completamente l'effetto dell'aumento del pH sugli organismi acquatici.

Un intervallo di pH tipico per l'acqua di mare nel mondo è 7,9–8,3, che è leggermente alcalino o basico. Dal 1750, l'intervallo di pH medio degli oceani globali è diminuito di 0,1, indicando un leggero spostamento verso l'essere più acidi.

Negli oltre 200 anni dall'inizio della rivoluzione industriale, la concentrazione di anidride carbonica (CO2) nell'atmosfera è aumentata a causa delle azioni umane. Durante questo periodo, il pH delle acque oceaniche superficiali è diminuito di 0,1 unità di pH. Potrebbe non sembrare molto, ma la scala del pH è logaritmica, quindi questo cambiamento rappresenta un aumento di circa il 30 percento dell'acidità.

 

Un intervallo di pH tipico per l'acqua di mare nel mondo è 7,9–8,3, che è leggermente alcalino o basico. Dal 1750, l'intervallo di pH medio degli oceani globali è diminuito di 0,1, indicando un leggero spostamento verso l'essere più acidi.

Negli oltre 200 anni dall'inizio della rivoluzione industriale, la concentrazione di anidride carbonica (CO2) nell'atmosfera è aumentata a causa delle azioni umane. Durante questo periodo, il pH delle acque oceaniche superficiali è diminuito di 0,1 unità di pH. Potrebbe non sembrare molto, ma la scala del pH è logaritmica, quindi questo cambiamento rappresenta un aumento di circa il 30 percento dell'acidità.

 

L'oceano assorbe circa il 30% dell'anidride carbonica (CO2) che viene rilasciata nell'atmosfera. Man mano che i livelli di CO2 atmosferica aumentano a causa di attività umane come la combustione di combustibili fossili (ad esempio, le emissioni delle automobili) e il cambiamento dell'uso del suolo (ad esempio, la deforestazione), aumenta anche la quantità di anidride carbonica assorbita dall'oceano. Quando la CO2 viene assorbita dall'acqua di mare, si verificano una serie di reazioni chimiche che determinano una maggiore concentrazione di ioni idrogeno. Questo processo ha implicazioni di vasta portata per l'oceano e le creature che vi abitano. 

L'acidificazione degli oceani sta già influenzando molte specie oceaniche, in particolare organismi come ostriche e coralli che producono gusci e scheletri duri combinando calcio e carbonato dall'acqua di mare. Con l'aumentare dell'acidificazione degli oceani, gli ioni carbonato disponibili (CO32-) si legano con l'idrogeno in eccesso, risultando in un minor numero di ioni carbonato disponibili per gli organismi calcificanti per costruire e mantenere i loro gusci, scheletri e altre strutture di carbonato di calcio. Se il pH diventa troppo basso, conchiglie e scheletri possono persino iniziare a dissolversi.

I cambiamenti nella chimica dell'oceano possono influenzare anche il comportamento degli organismi non calcificanti. La capacità di alcuni pesci, come i pesci pagliaccio , di rilevare i predatori è ridotta nelle acque più acide. 

Le stime dei futuri livelli di anidride carbonica, basate su scenari di emissioni normali, indicano che entro la fine di questo secolo le acque superficiali dell'oceano potrebbero avere un pH intorno a 7,8. L'ultima volta che il pH dell'oceano era così basso è stato durante la metà Miocene , 14-17 milioni di anni fa. La Terra era di diversi gradi più calda e si stava verificando un grande evento di estinzione . 
 
L'acidificazione degli oceani sta attualmente interessando l'intero oceano, compresi gli estuari costieri e i corsi d'acqua . Miliardi di persone in tutto il mondo fanno affidamento sul cibo dell'oceano come fonte primaria di proteine . Molti posti di lavoro ed economie negli Stati Uniti e in tutto il mondo dipendono dai pesci e dai molluschi che vivono nell'oceano.

L'acidificazione degli oceani è un aspetto del cambiamento climatico globale . Qualsiasi cosa facciamo oggi per mitigare il cambiamento climatico gioverà anche al futuro dell'oceano.

 

NOAA.gov

Silver, Global Warming and Climate Change, 2008