sostenibilità_banner

L'iniziativa mira a ripristinare una striscia di savana di 8.000 km lungo il confine meridionale del deserto del Sahara.

Great Green Wall. L’Africa contro il cambiamento climatico.

L'iniziativa Great Green Wall mira a ripristinare la terra, sequestrare carbonio e creare posti di lavoro in alcune delle comunità più povere del mondo, dove il cambiamento climatico sta colpendo più duramente.

Il progetto è iniziato come un'iniziativa di riforestazione, ma è cresciuto fino a diventare un piano più ampio e ambizioso per lo sviluppo ecologico, economico e sociale.

L' iniziativa Great Green Wall è un progetto di riforestazione che mira a trasformare la vita di milioni di persone che vivono in prima linea nella crisi climatica. Gli obiettivi di questo progetto guidato dall'Africa sono di ripristinare 100 milioni di ettari di terra, sequestrare 250 milioni di tonnellate di carbonio e creare 10 milioni di posti di lavoro verdi nelle aree rurali. 

Una volta completata, la Grande Muraglia Verde sarà la più grande struttura vivente del pianeta, tre volte più grande della Grande Barriera Corallina.

Il Sahel è una cintura di terra di 5.900 chilometri sotto il deserto del Sahara, che si estende per tutta l'Africa. È una regione semi-arida, nota per le sue precipitazioni variabili. L'area ha alcuni dei livelli di povertà più alti del mondo e siccità e inondazioni regolari portano alla carenza di cibo e acqua potabile. Questi a loro volta portano a crisi umanitarie e migrazioni.

In passato, gli sforzi per affrontare questi problemi si sono spesso basati su presupposti semplicistici. Guidati per la maggior parte da ONG internazionali e organizzazioni della società civile, si sono concentrati sulla ricerca di soluzioni finanziarie o tecnologiche alla povertà delle comunità della zona. Hanno in gran parte ignorato la ricchezza di conoscenze che le popolazioni locali hanno sul loro ambiente naturale.

L'iniziativa Great Green Wall (GGW) è stata inizialmente concepita nel 2007 come progetto di riforestazione, che mirava a creare uno scudo di alberi per tenere a bada il deserto. 

Tuttavia, ora ha obiettivi molto più ampi e ambiziosi. Mira a promuovere la gestione sostenibile della terra e dell'acqua nelle zone aride dell'Africa attraverso un mosaico di interventi tra cui l' agricoltura intelligente, la pastorizia sostenibile, la conservazione della silvicoltura, la transizione energetica e la governance delle risorse naturali.

L'iniziativa promuove soluzioni basate sulla natura per incoraggiare la gestione sostenibile del territorio nei suoi stati membri, tra cui Burkina Faso, Ciad, Gibuti e Niger. Questi proteggono, gestiscono in modo sostenibile e ripristinano gli ecosistemi naturali o modificati, utilizzando l'agroforestazione, una migliore gestione dei terreni agricoli, la diversificazione agricola, la gestione integrata delle risorse idriche e la gestione forestale.

La Great Green Wall

La Great Green Wall

L'area del Sahel ha uno dei più alti livelli di povertà multidimensionale al mondo, con scarsi indici di salute, istruzione e qualità della vita, nonché uno degli ecosistemi biofisici più difficili del pianeta. 

Con la sua portata panafricana e i significativi impegni finanziari sia da parte dei governi africani che dei partner di sviluppo internazionali, l'iniziativa GGW ha il potenziale per essere un punto di svolta nella regione. 

Purtroppo la prima indagine di valutazione, commissionata dalla Convenzione delle Nazioni Unite per la lotta alla desertificazione e pubblicata a settembre 2020, indica progressi limitati: negli 11 Stati membri fondatori sono stati costruiti solo 4 milioni di ettari, ovvero solo il 15-18% dell'area interessata dal progetto mira a coprire entro il 2030.

Ci sono molte ragioni per queste battute d'arresto

C'è stato un aumento dell'instabilità politica nella regione del Sahel, che ha impedito qualsiasi azione in vaste aree. La natura a breve termine del finanziamento del progetto rende difficile la pianificazione a lungo termine. Ci sono risorse umane e finanziarie insufficienti nei settori ambientali degli stati bersaglio e mancano mercati vitali per i prodotti delle imprese basate sugli alberi.

Il futuro del progetto risiede in una maggiore innovazione. 

Ad esempio, il progetto deve incoraggiare le persone a utilizzare l'energia rinnovabile, sostituendo la tradizionale energia da biomassa da carbone e legno con alternative convenienti come solare, termica, eolica e idrica.

Potrebbe essere possibile utilizzare droni e intelligenza artificiale per monitorare la deforestazione e persino per piantare piantine di alberi. 

Il progetto deve attingere alla conoscenza indigena e utilizzarla per sostenere nuove imprese. Ha bisogno di innovare nei modi in cui comunica e si impegna con le comunità, per aiutarle a vedere il valore della rigenerazione e ispirarle con una nuova visione per il futuro.

I prodotti degli alberi come la gomma arabica, il burro di karitè, il baobab e il tamarindo sono il cardine di molte famiglie e comunità, fornendo reddito e sussistenza al di fuori dell'azienda agricola soprattutto durante la stagione magra. 

 

World Economic Forum, How a Great Green Wall could help Africa combat climate change