Il cambiamento climatico, al quale nessuno è immune, né il mondo può vaccinarsi contro di esso, continua ad essere catastrofico.

Il cambiamento climatico, al quale nessuno è immune, né il mondo può vaccinarsi contro di esso, continua ad essere catastrofico.

I costi umani ed economici immediati causati dal COVID-19 sono gravi. La pandemia minaccia di rallentare anni di progressi nella riduzione della povertà e della disuguaglianza globali e di danneggiare ulteriormente la coesione sociale e la cooperazione globale.

Tutte le generazioni e tutti i gruppi sono stati colpiti dalla crisi: le popolazioni più anziane sono le più vulnerabili alla pandemia stessa, e i giovani affrontano nuove barriere alla mobilità sociale, tensioni sulla salute mentale, prospettive economiche incerte e il continuo degrado del pianeta.

Il cambiamento climatico, al quale nessuno è immune, né il mondo può vaccinarsi contro di esso, continua ad essere catastrofico: il "fallimento dell'azione per il clima" è il rischio più probabile.

L'impatto della pandemia sui mezzi di sussistenza è stato catastrofico, soprattutto su coloro che non hanno risparmi, hanno perso il lavoro o hanno subito tagli salariali.  Nel secondo trimestre del 2020 sono andate perse ore di lavoro equivalenti a 495 milioni di posti di lavoro5-14% dell'intera forza lavoro mondiale.

L'impatto economico varia da regione a regione. L'area euro e l'America Latina si sono contratte maggiormente nel 2020. Solo 28 economie sono cresciute nel 2020, con la Cina l'unico paese tra loro del G20.

Al momento più di 100 milioni di persone in tutto il mondo hanno contratto il COVID-19 e più di 2 milioni sono morte.

Gli impatti sulla salute a lungo termine rimangono sconosciuti, in Corea del Sud, un sondaggio ha rilevato che il 90% dei pazienti COVID-19 guariti soffre ancora di effetti collaterali fisici e psicologici come ageusia (perdita del gusto), anosmia (perdita dell'olfatto) e stanchezza.

Gli impatti collaterali sulla salute, fisica e mentale, continueranno ad avere conseguenze devastanti in tutto il mondo, negli Stati Uniti, ad esempio, il trattamento ritardato delle emergenze, le malattie croniche e il disagio psicologico hanno già causato un tasso di mortalità del 6% rispetto a quanto normalmente previsto.

La pandemia ha messo a dura prova i sistemi sanitari, mettendo a nudo la loro mancanza di capacità.

Lo sviluppo di molti vaccini preannuncia l'inizio della ripresa dalla crisi-COVID-19, ma le crepe strutturali che hanno esacerbato la crisi, dal benessere individuale alla resilienza sociale e alla stabilità globale, minacciano di rendere tale ripresa profondamente disomogenea.

Si prevede che la recessione globale costringerà fino a 150 milioni di persone in più alla povertà estrema.

Questa battuta d'arresto nell'agenda dello sviluppo globale aumenterà la vulnerabilità a shock futuri.

L'aumento dei livelli di debito pubblico e privato può ridurre la possibilità di ulteriori stimoli alla crescita.

Nessun vaccino per il degrado ambientale

Senza la coesione sociale e piattaforme internazionali stabili, la futura crisi transfrontaliera avrà impatti maggiori.  I principali punti che rischiano di fallire sono il "fallimento dell'azione per il clima" e la "perdita di biodiversità".

Obiettivo di riduzione e emissioni di gas serra. UNCTAD calculations, based on_Netherlands PBL (2019)_and_United Nations Environment Programme (2019). Clicca sulla figura per ingrandire.

Le emissioni globali di CO2 sono diminuite del 9% nella prima metà del 2020 quando, a causa della pandemia,  sono state chiuse le maggiori economie. Una riduzione simile è necessaria ogni anno per il prossimo decennio per mantenere i progressi verso la limitazione del riscaldamento globale a 1,5°C ed evitare i peggiori effetti dei cambiamenti climatici. Con il riavvio delle attività, le emissioni hanno ripreso la crescita.

La crescita delle emissioni deve essere disaccoppiata e ci deve essere urgentemente un’evoluzione verso un'economia a basse emissioni di carbonio.

Al momento, solo quattro delle maggiori economie mondiali hanno assemblato un pacchetto di recupero che produrrà un beneficio ambientale netto.

Una ripresa sinergica

Con la pandemia i governi sono stati capaci di una risposta veloce, è necessaria la stessa energia e volontà per contrastare il cambiamento climatico.

Per alcuni, il cambiamento climatico richiede un'azione immediata; altri daranno la priorità ai posti di lavoro per garantire che i più vulnerabili abbiano cibo, alloggio e reddito; altri ancora richiederanno uno sforzo maggiore per sfruttare e governare la tecnologia.

Il passaggio alla produzione e al consumo verdi non può essere ulteriormente ritardato, non è possibile attendere il ripristino delle  economie.

 

Global Risks Report 2021