Le difficoltà economiche, i cambiamenti climatici, i conflitti e l'instabilità politica stanno costringendo milioni di persone a migrare

Nel prossimo futuro gran parte della popolazione mondiale si troverà ad affrontare una "crisi dei mezzi di sussistenza". Milioni di persone stanno già cercando di attraversare i confini alla ricerca di migliori opportunità economiche.

#Società, #migrazione

Il genere umano, sin dall'epoca preistorica, è sempre stato interessato da spostamenti, su scala più o meno ampia, generati da una vasta gamma di motivazioni, fra le quali principalmente: la ricerca di nuove terre, l'aspirazione verso migliori condizioni di vita, l'espansione coloniale, la fuga da guerre, persecuzioni e discriminazioni varie ed anche da fenomeni naturali avversi quali catastrofi e cambiamenti climatici.

Nell'ultimo decennio, il numero di migranti internazionali è cresciuto costantemente, passando da 221 milioni di persone nel 2010 a 281 milioni nel 2020.

Le difficoltà economiche, i cambiamenti climatici, i conflitti e l'instabilità politica stanno costringendo milioni di persone a lasciare le proprie case.

L'emigrazione e l'immigrazione offrono enormi opportunità ma, allo stesso tempo, ci sono sfide legate all'integrazione, alla coesione sociale, al lavoro e alla gestione delle frontiere.

Il COVID-19 sta esercitando un'enorme pressione sui sistemi di migrazione e mobilità, nonché sugli stessi migranti, specialmente tra i più vulnerabili.

La spinta demografica

I paesi africani stanno crescendo demograficamente più di tutti, a questo si aggiunge un’età media della popolazione bassa. Queste tendenza sta creando forti pressioni nelle rotte migratorie.

Le disparità demografiche tra le parti sviluppate e in via di sviluppo del mondo eserciteranno una forte influenza sui modelli di migrazione e mobilità in un futuro molto prossimo.

È probabile che le regioni geograficamente vicine, come l'Africa e l'Europa, che presentano crescenti disparità demografiche ed economiche, saranno fortemente colpite da questa tendenza durante la seconda metà del 21° secolo. Anche quando si tiene conto delle riduzioni dei tassi di fertilità sia nei paesi sviluppati che in quelli meno sviluppati, la crescita della popolazione globale rimane sulla buona strada per presentare le sfide per molti paesi e regioni, che probabilmente dovranno lottare con l'alimentazione, l'istruzione, l'alloggio e la fornitura di opportunità di lavoro per l'espansione numero di persone.

Secondo un rapporto della Banca Mondiale, la migrazione economica ha spesso notevoli vantaggi sia per i paesi di origine che per quelli di destinazione: è “il modo più efficace per ridurre la povertà e condividere la prosperità” e può sostenere la crescita economica aiutando a far fronte alla carenza di manodopera nei paesi di destinazione.

Tuttavia, le barriere a livello nazionale alla circolazione delle persone stanno aumentando.

La disillusione nei confronti della globalizzazione ha alimentato i discorsi nativisti e le politiche di interesse nazionale e il COVID-19 ha accelerato questa tendenza.

I conflitti come fonte di migrazione

Da sempre i conflitti e l'insicurezza spostano le popolazioni ed il COVID-19 ha complicato ulteriormente le cose.

I conflitti e l'insicurezza politica sono i principali fattori di migrazione involontaria.

In tutto il mondo, nel 2020, ci sono stati oltre 34 milioni di persone sfollate all'estero a causa del solo conflitto, un massimo storico. I paesi principalmente interessati dai conflitti di lunga data e disordini politici sono Afghanistan, Myanmar, Sud Sudan, Siria, Venezuela e Etiopia.

 

I cambiamenti climatici come fonte di migrazione

Il cambiamento climatico è un fattore chiave della migrazione.

Sposta le persone direttamente a causa di disastri naturali e può spostarle indirettamente incoraggiando la migrazione economica dalle economie vulnerabili agli impatti negativi dei cambiamenti climatici.

L'incapacità di adattarsi o mitigare gli impatti dei cambiamenti climatici minaccia di rendere inabitabili alcune parti del mondo densamente popolate.

Eventi meteorologici più frequenti ed estremi, inclusi incendi, inondazioni e siccità, potrebbero sfollare più di 200 milioni di persone entro il 2050.

La scarsità d'acqua è un fattore chiave della migrazione a causa del suo impatto sulla salute e sui mezzi di sussistenza, nonché dei conflitti che rischia di innescare.

Disuguaglianza e sviluppo ineguale

I corridoi migratori più popolari portano dai luoghi più poveri a quelli più ricchi, poiché la maggior parte delle persone che migrano lo fa per cercare una vita migliore.

I migranti sono alla ricerca di redditi migliori e mezzi per garantire cibo e riparo. Nei paesi che sono fonti significative di migrazione, la disuguaglianza è radicata e gli effetti della disuguaglianza economica sono di vasta portata.  Le popolazioni locali hanno acquisito una visibilità sempre maggiore di questa disuguaglianza, poiché i servizi di telecomunicazione diventano sempre più disponibili nelle società tradizionalmente povere ed emarginate.

 

Sono necessari quadri normativi più solidi per gestire la migrazione e la mobilità

A livello globale, è riconosciuta la necessità di gestire meglio la migrazione internazionale, sia a livello internazionale che regionale.

Man mano che i modelli migratori diventano sempre più irregolari, la regolamentazione relativa - per lo più attuata a livello nazionale - è a rischio di fallimento.

In assenza di un regime internazionale coerente, molti aspetti della questione rimangono affrontati in modo non uniforme; questi includono la migrazione per lavoro, il ricongiungimento familiare, lo studio,  il turismo, il contrabbando e la tratta di esseri umani, la protezione dei rifugiati.

Nel 2018, una Conferenza intergovernativa che ha coinvolto 164 Stati membri delle Nazioni Unite ha adottato il Global Compact per una migrazione sicura, ordinata e regolare.

Il patto è stato progettato per facilitare meglio forme più sicure di migrazione e prevede una migliore cooperazione sulla migrazione internazionale nelle sue varie forme. Il patto riconosce le diverse situazioni migratorie che esistono a livello globale e riafferma la sovranità degli Stati sulle loro politiche migratorie.

 

World Economic Forum

 



Continua a leggere


 L’attuale popolazione della Terra ha raggiunto i 7,8 miliardi di persone. La maggior crescita della popolazione avverrà nei paesi in via di sviluppo. I cambiamenti demografici stanno avendo un impatto drammatico sulla domanda globale di cibo. I sistemi alimentari globali dovranno essere preparati per soddisfare un aumento significativo della domanda alimentare globale, fornendo anche diete di alta qualità.

Crescita demografica mondiale e crisi alimentare


Il cambiamento climatico, al quale nessuno è immune, né il mondo può vaccinarsi contro di esso, continua ad avere previsioni catastrofiche: il "fallimento dell'azione per il clima" è il rischio più probabile.

Quale futuro ci attende? Il problema del cambiamento climatico