Senza un'azione urgente, gli 11 milioni di tonnellate di plastica stimati che attualmente entrano nell'oceano ogni anno triplicheranno nei prossimi vent'anni

Decenni di crescita economica e una crescente dipendenza dai prodotti di plastica usa e getta hanno portato a un torrente di rifiuti non gestiti che si riversa in laghi, fiumi, ambienti costieri e infine in mare, innescando un'ondata di problemi. Senza un'azione urgente, gli 11 milioni di tonnellate di plastica stimati che attualmente entrano nell'oceano ogni anno triplicheranno nei prossimi vent'anni

#Inquinamento, #plastica, #oceano, #microplastiche

Negli ultimi 70 anni, la plastica, un materiale incredibilmente malleabile, versatile e durevole, si è infiltrata nel mercato e ha permeato apparentemente ogni angolo della Terra. 

La plastica può fornire importanti vantaggi, dai dispositivi medici salvavita alla conservazione degli alimenti sicura e di lunga durata. Tuttavia, la plastica non necessaria ed evitabile, in particolare gli imballaggi monouso e gli articoli usa e getta, sta inquinando il nostro pianeta a ritmi allarmanti. Decenni di crescita economica e una crescente dipendenza dai prodotti di plastica usa e getta hanno portato a un torrente di rifiuti non gestiti che si riversa in laghi, fiumi, ambienti costieri e infine in mare, innescando un'ondata di problemi.

La plastica è una minaccia crescente in tutti gli ecosistemi, dalla sorgente al mare. Pur disponendo del know-how, abbiamo bisogno della volontà politica e di un'azione urgente da parte dei governi per affrontare la crescente crisi. 

La nuova valutazione delle Nazioni Unite avverte che, senza un'azione urgente, gli 11 milioni di tonnellate di plastica stimati che attualmente entrano nell'oceano ogni anno triplicheranno nei prossimi vent'anni

La plastica è un indicatore dell'attuale era geologica, l'Antropocene.

Gli studiosi hanno coniato un nuovo nome ad un nuovo habitat microbico: la plastisfera.

La maggiore consapevolezza degli impatti negativi delle microplastiche sugli ecosistemi marini e sulla salute umana ha portato a definirle un tipo di "Ocean PM2,5" simile all'inquinamento atmosferico (cioè particolato di diametro inferiore a 2,5 micrometri [μm]).

Produzione globale cumulativa di plastica primaria tra il 1950 e il 2017 e trend futuro.

Produzione globale cumulativa di plastica primaria tra il 1950 e il 2017 e trend futuro. Clicca sull’immagine per ingrandire

 

La produzione globale cumulativa di plastica primaria tra il 1950 e il 2017 è stimata in 9.200 milioni di tonnellate e si prevede che raggiungeranno i 34 miliardi di tonnellate entro il 2050.

Il problema più urgente da affrontare è come ridurre il volume dei flussi di rifiuti incontrollati o mal gestiti che finiscono negli oceani e come aumentare il livello di riciclaggio.

Dei 7 miliardi di tonnellate di rifiuti di plastica generati finora a livello globale, meno del 10% è stato riciclato.

Oggi si stima che le perdite economiche annuali cumulative dovute ai danni alle industrie marittime, compresi i costi delle bonifica, ammontino a circa 6-19 miliardi di dollari USA. Poiché questa stima non include i costi del degrado dei beni e servizi ecosistemici dovuti ai rifiuti marini, è probabile che la cifra sia abbondantemente sottostimata.

Le proiezioni per il futuro sono drammatiche, si prevede che entro il 2040 la massa prevista di perdite di plastica negli oceani potrebbe rappresentare un rischio finanziario annuale di 100 miliardi di dollari per le imprese se i governi richiedessero loro di coprire i costi di gestione dei rifiuti.

Il problema delle plastiche è sfociato in una crisi globale che richiede attenzione e azione immediate e prolungate.

I rifiuti marini e l'inquinamento da plastica sono problematici per molte ragioni. La plastica non si biodegrada. Invece, si scompongono nel tempo in pezzi sempre più piccoli noti come microplastiche e nanoplastiche, che possono avere impatti negativi significativi.

Gli impatti sulla vita marina vanno da danni fisici o chimici ai singoli animali, a effetti più ampi sulla biodiversità e sul funzionamento dell'ecosistema. 

Pezzi di plastica sono stati trovati nell'apparato digerente di molti organismi acquatici, comprese tutte le specie di tartarughe marine e quasi la metà di tutte le specie di uccelli marini e mammiferi marini esaminati.

Ci sono anche impatti meno evidenti. 

Non solo le tossine già presenti nella plastica influiscono sulla rete alimentare oceanica, ma è noto che i pezzi di plastica assorbono gli inquinanti che fluiscono dalla terraferma nel mare, compresi i rifiuti farmaceutici e industriali. 

La tossicità può trasferirsi attraverso la catena alimentare man mano che le specie marine mangiano e vengono mangiate. C'è anche una crescente preoccupazione per le specie non autoctone che fanno l'autostop attraverso l'oceano su rifiuti galleggianti in mari e terreni stranieri, come alghe, molluschi e cirripedi, che possono invadere e degradare ambienti e specie acquatici distanti. Il problema è aggravato dal fatto che la maggior parte dei rifiuti di plastica nell'oceano alla fine affonda nel fondo del mare come un mucchio di spazzatura sommerso, soffocando le barriere coralline e la vita marina del fondo marino sottostante.

Gli esseri umani sono anche a rischio di rifiuti marini e inquinamento da plastica. 

La salute ambientale è indissolubilmente legata alla salute umana. 

Una nuova ricerca mostra che le persone inalano le microplastiche attraverso l'aria, le consumano attraverso il cibo e l'acqua e le assorbono persino attraverso la pelle. 

L'intera portata dell'impatto sulla salute umana è ancora sconosciuta poiché la ricerca è agli inizi. Esistono, tuttavia, prove sostanziali che i prodotti chimici associati alla plastica, come il metilmercurio, i plastificanti e i ritardanti di fiamma, possono entrare nel corpo e sono collegati a problemi di salute, specialmente nelle donne. Gli scienziati ritengono inoltre che alcune delle sostanze chimiche comuni presenti nella plastica, come il bisfenolo A, gli ftalati e i policlorobifenili (PCB), potrebbero penetrare nel corpo. Queste sostanze chimiche sono state collegate a disturbi endocrini, disturbi dello sviluppo, anomalie riproduttive e cancro. 

Gli impatti dell'inquinamento da plastica non si fanno sentire allo stesso modo in tutto il mondo. 

I paesi più ricchi producono più rifiuti di plastica, che troppo spesso confluiscono nei paesi meno sviluppati dove la gestione dei rifiuti è la meno sofisticata. Il riciclaggio può aiutare a ridurre la produzione di plastica e i rifiuti di plastica; tuttavia, un grosso problema è il basso tasso di riciclaggio della plastica in tutto il mondo, che attualmente è inferiore al 10%.

La plastica è un problema climatico. 

Non tutti sanno che la plastica è prodotta prevalentemente da petrolio e gas, entrambi combustibili fossili. 

Più plastica produciamo, più combustibili fossili sono necessari, più intensifichiamo la crisi climatica in un continuo ciclo di feedback negativo. 

Inoltre, i prodotti in plastica creano emissioni di gas serra durante l'intero ciclo di vita. Se non viene intrapresa alcuna azione, le emissioni di gas serra derivanti dalla produzione, dal riciclaggio e dall'incenerimento della plastica potrebbero rappresentare il 19% delle emissioni totali consentite dall'accordo di Parigi nel 2040 per limitare il riscaldamento a 1,5°C.

In modo allarmante, un recente studio sull'inquinamento da plastica marina indica che i quattro ecosistemi costieri che immagazzinano più carbonio e fungono da barriere naturali contro l'innalzamento dei mari e le tempeste – mangrovie, fanerogame, paludi salmastre e barriere coralline – sono messe sotto pressione dall'inquinamento plastico terrestre a causa della loro vicinanza ai fiumi. 

E’ necessario migliorare i sistemi di gestione dei rifiuti in modo che sia disponibile l'infrastruttura giusta per ricevere i rifiuti di plastica e garantire che una percentuale elevata possa essere riutilizzata o riciclata.

 

United Nations Environment Programme, FROM POLLUTION TO SOLUTION, 2021