L'inquinamento è un'alterazione dell'ambiente, naturale o dovuto ad antropizzazione, da parte di elementi inquinanti

Che cos’è l’inquinamento

L'inquinamento è un'alterazione dell'ambiente, naturale o dovuto ad antropizzazione, da parte di elementi inquinanti. Esso produce disagi temporanei, patologie o danni permanenti per la vita in una data area, e può porre la zona in disequilibrio con i cicli naturali esistenti. L'alterazione può essere di origini diverse, chimica o fisica.

#Inquinamento, #greendeal

L’inquinamento altera un mezzo come l’aria, l’acqua o il suolo in modo tale da riuscire a renderlo dannoso per le persone o per la natura. Tra le diverse tipologie di inquinanti vi sono le sostanze chimiche, le polveri, il rumore e le radiazioni. Questi inquinanti hanno molte fonti diverse. Alcune di queste fonti sono diffuse, come i trasporti o l’agricoltura, mentre altre sono legate a un luogo specifico, come uno stabilimento o una centrale elettrica.

Gli inquinanti rilasciati in un determinato punto possono causare danni locali, ma possono anche percorrere lunghe distanze.

Qualche dato sull'inquinamento

I trasporti sono responsabili di circa il 45% delle emissioni di ossidi di azoto (NOx) in Europa e di una percentuale significativa delle emissioni totali di altri inquinanti principali.

Il traffico stradale costituisce la fonte di rumore ambientale più diffusa, con oltre 100 milioni di persone in Europa colpite da livelli nocivi.

La produzione e la distribuzione di energia costituiscono la principale fonte di emissioni di ossidi di zolfo (SOx) e una fonte significativa di emissioni di NOx.

Le pratiche agricole non sostenibili comportano l’inquinamento del suolo, dell’acqua, dell’aria e del cibo, lo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali, la perdita della biodiversità e il degrado degli ecosistemi.

Il settore agricolo è responsabile di oltre il 90% delle emissioni di ammoniaca in Europa e di quasi il 20% delle emissioni di composti organici volatili non metanici (COVNM), quali il benzene e l’etanolo.

Il riscaldamento domestico è una fonte importante di inquinamento da polveri. Gli edifici commerciali, istituzionali e residenziali sono responsabili del 53% delle emissioni di particolato fine (PM2,5). Anche le utenze domestiche sono una fonte di rifiuti inquinanti per le acque.

La produzione di rifiuti e la cattiva gestione degli stessi contribuiscono all’inquinamento atmosferico e si ripercuotono sugli ecosistemi. Le discariche, lo smaltimento illegale e la dispersione di rifiuti comportano ulteriori rischi, tra cui l’inquinamento del suolo e i rifiuti dispersi in ambiente marino.

La sfida in materia di inquinamento zero

La strategia tesa verso un inquinamento zero in Europa è stata presentata nel Green Deal europeo che fa parte della strategia della Commissione europea per l’attuazione dell’agenda per gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Il suo obiettivo principale è la protezione dei cittadini e degli ecosistemi migliorando il monitoraggio, la comunicazione, la prevenzione e il risanamento dall’inquinamento.

Nell’ambito della più ampia strategia tesa verso un inquinamento zero, la Commissione europea ha già annunciato azioni volte a ridurre l’inquinamento in diverse iniziative del Green Deal, in particolare il «Piano d’azione per l’economia circolare», la «Strategia sulla biodiversità» e la strategia «Dal produttore al consumatore».

La Strategia in materia di sostanze chimiche per la sostenibilità e il Piano d’azione per l’inquinamento zero contribuiranno a promuovere prodotti e tecnologie più puliti in tutti i settori economici pertinenti, dando priorità alla prevenzione dell’inquinamento piuttosto che al risanamento.

 

 

agenzia europea dell'ambiente, Verso un'Europa a inquinamento zero, 2020