I rifiuti di plastica potrebbero triplicare e superare i pesci negli oceani del mondo entro il 2040

L'inquinamento derivante dalla dilagante sovrapproduzione di plastica e dei loro cicli di vita è irreversibile, mina direttamente la nostra salute, guida la perdita di biodiversità, esacerba i cambiamenti climatici e rischia di generare cambiamenti ambientali dannosi su larga scala

#Biosfera, #plastica, #rifiuti, #biodiversità, #inquinamento

L’inquinamento da plastica negli oceani dovrebbe triplicare entro il 2040, in linea con la produzione, minacciando la civiltà umana e la capacità fondamentale del pianeta di mantenere un ambiente abitabile.

Nel 2022, la Convenzione sulla diversità biologica (CBD) si riunirà per negoziare la futura agenda sulla biodiversità. L'obiettivo 7 del quadro proposto per il periodo successivo al 2020 prevede l'eliminazione degli scarichi di rifiuti di plastica, sebbene non sia chiaro come ciò sarà raggiunto.

Le crisi ambientali non sono isolate: sono strettamente interconnesse e si rafforzano a vicenda. L’ambiente inquinato fa parte di un ecosistema che a sua volta fa parte di una biosfera. La biosfera è alla base di un sistema Terra interconnesso.

Il rapporto delle Nazioni Unite ha anche mostrato, attraverso una valutazione scientifica, che le minacce ambientali indotte dall'uomo sono sufficientemente gravi da rappresentare un'"emergenza planetaria".

La biosfera è regolata anche da esseri viventi e non viventi che interagiscono attraverso diversi processi fisici, chimici e biologici.

Questi processi, noti anche come "processi del sistema terrestre", includono cose come il movimento ciclico di carbonio, acqua e sostanze nutritive in tutto il mondo e sono vitali per mantenere un ambiente abitabile sul nostro pianeta.

I processi del sistema terrestre possono essere visti come il "supporto vitale" del pianeta, che svolgono servizi come la creazione di ossigeno, la pulizia dell'aria, il filtraggio dell'acqua e la regolazione del clima estremo. Ma il sistema terrestre è dinamico ed estremamente complesso: piccoli disturbi in una parte di esso possono causare effetti in altre che sono spesso imprevedibili.

Ad esempio, l'aumento della temperatura nell'atmosfera può portare a una cascata di risposte ambientali interconnesse, come cambiamenti nelle precipitazioni e nei modelli del vento.

Negli ultimi 10.000 anni, il sistema Terra è stato relativamente stabile ma, a causa dell'attività umana, questo periodo di stabilità sta volgendo al termine.

Il cambiamento climatico, la perdita di biodiversità e l'inquinamento rappresentano insieme un'emergenza planetaria.

L’emergenza della plastica.

Un inquinante è una sostanza nociva o un prodotto di scarto aggiunto alla terra, all'aria o all'acqua che provoca danni. L'inquinamento da plastica è uno degli inquinanti ambientali più diffusi e un fattore determinante del cambiamento climatico e della perdita di biodiversità.

Ma non sono solo i mozziconi di sigaretta e i contenitori di bevande che infestano le spiagge, oppure gli stomaci delle balena pieni di rifiuti di plastica. Sebbene estremamente preoccupanti, questi impatti visibili sono la punta dell'iceberg.

Si stima che entro il 2050 il peso della plastica negli oceani supererà probabilmente di gran lunga il peso di tutti i pesci.

Tuttavia, contrariamente alla credenza popolare, la maggior parte dell'inquinamento da plastica è completamente invisibile.

Il famigerato Great Pacific Garbage Patch, una massa di 1,6 milioni di km2 di rifiuti di plastica nel Pacifico settentrionale, è una distesa di frammenti di plastica.

Circa il 92% di tutta la plastica sulla superficie dell'oceano è microplastica (frammenti di dimensioni inferiori a 5 mm) che si è scomposta da detriti più grandi o è stata creata intenzionalmente.

Purtroppo la plastica si trova nelle parti più profonde dell'oceano, sulle vette più alte delle montagne, negli organi umani e nelle isole più remote e disabitate.

È noto che la plastica può rilasciare sostanze chimiche in grado di provocare  la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico, oltre a compromettere la salute umana.

Le materie plastiche sono combustibili fossili

La plastica contiene l'80% di carbonio e oltre il 99% della plastica utilizza petrolio greggio, gas fossile o carbone come materia prima.

La loro produzione comporta anche la combustione di grandi quantità di combustibili fossili per soddisfare l'elevato fabbisogno energetico dei processi industriali.

Inizialmente visto come un problema di "rifiuti", ora è inequivocabile che l'inquinamento da plastica è una delle minacce ambientali e per la salute umana più urgenti e devastanti che necessitano di un'azione globale urgente.

L'inquinamento da plastica guida la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico in ogni fase del suo ciclo di vita, oltre a minare la salute umana e minare direttamente l'integrità del nostro pianeta.

La plastica provoca un inquinamento catastrofico e irreversibile a causa dei modelli di produzione e consumo insostenibili.

E’ necessario approvare un mandato ambizioso che tenti di affrontare l'inquinamento da plastica in tutti gli ambienti, promuovendo un approccio al ciclo di vita completo con interventi previsti sulla produzione (a monte), la progettazione del prodotto (a metà) e la gestione dei rifiuti (a valle).

 

 

Environmental Investigation Agency. Connecting the Dots: Plastic pollution and the planetary emergency

 

 



Continua a leggere


Le principali fonti dei rifiuti marini e dell'inquinamento da plastica sono legati ai crescenti volumi di plastica forniti all'economia globale. I rifiuti marini e l'inquinamento da plastica provengono principalmente da fonti terrestri

Le principali fonti dei rifiuti marini


La plastica pervade le nostre vite mentre rovina l'ambiente. L'ingegneria metabolica e dei bioprocessi può essere utilizzata per trattare le acque reflue e affrontare gravi problemi ambientali, compreso l'inquinamento da plastica.

Una speranza contro l’inquinamento da plastica