<

I fattori diretti del cambiamento ambientale causati dall'uomo sono ora una forza dominante che plasma la Terra.

I fattori diretti del cambiamento ambientale causati dall'uomo sono ora una forza dominante che plasma la Terra.

Per soddisfare le crescenti richieste, le persone utilizzano una frazione sempre crescente della terra, dell'acqua dolce e degli oceani della Terra per la produzione e l'estrazione di cibo, fibre, energia e minerali, nonché per strutture industriali, infrastrutture e insediamenti.

Gli esseri umani e gli animali da fattoria sono diventati la specie dominante tra tutti i mammiferi sulla Terra.

Stime della biomassa dei mammiferi sulla Terra, suddivisa tra umani, mammiferi domestici e mammiferi selvatici

Una stima della biomassa dei mammiferi sulla Terra mostra che la popolazione umana costituisce circa un terzo e il bestiame quasi due terzi, mentre i mammiferi selvatici, dalle balene ai topi, ammontano a meno del 5%.

L'uso delle risorse provoca il rilascio di gas a effetto serra e inquinanti, inclusi nutrienti e prodotti chimici, nonché rifiuti domestici, industriali e umani. Inoltre, le persone modificano la vita e spostano gli organismi, sia intenzionalmente, per ottenere benefici come una maggiore produzione di cibo, sia involontariamente.

La trasformazione umana dei paesaggi terrestri e quelli marini determina la perdita di biodiversità, il cambiamento climatico e il degrado della terra, dell'acqua dolce e degli oceani. Quasi tre quarti della terra priva di ghiaccio e due terzi degli oceani sono influenzati in modo significativo dalle persone.

 La produzione di cibo occupa la metà della terra abitabile sulla Terra.

L'aumento dell'estensione dell'agricoltura converte gli habitat naturali, con conseguente perdita di biodiversità e serbatoi di carbonio, mentre l'intensificazione agricola ha spesso impatti negativi sulla qualità del suolo e dell'acqua e sulla biodiversità.

La metà di tutta l'espansione agricola dal 1980 al 2000 si è verificata a scapito delle foreste, principalmente ai tropici, in parte per ospitare l'allevamento di bestiame e la produzione di olio di palma. Le immagini satellitari mostrano che le pressioni umane hanno ridotto i paesaggi forestali intatti del 7% a livello globale dal 2000 al 2013. Le aree urbane sono più che raddoppiate dal 1992.

Il cambiamento dell'uso del suolo è classificato come il più importante fattore diretto del degrado del suolo e della perdita di biodiversità sul suolo, nonché il più importante fattore che influisce sulle acque dolci.

Si stima che circa il 23% delle emissioni totali di gas serra di origine antropica (2007-2016) provenga dall'agricoltura, dalla silvicoltura e da altre forme di utilizzo del suolo, comprese le emissioni di anidride carbonica dalla deforestazione, le emissioni di metano dai ruminanti e dalla coltivazione del riso e le emissioni di protossido di azoto dall'uso di fertilizzanti .

Negli oceani, che coprono il 70% del pianeta, l'uso umano dei paesaggi marini è considerato il secondo fattore più importante della perdita di biodiversità.

L'estrazione di risorse naturali è più che triplicata e l'estrazione di biomassa vivente è raddoppiata negli ultimi 40 anni.

La produzione agricola è aumentata di circa il 300% dal 1970. Tuttavia, il 25-30% del cibo totale prodotto è attualmente perso o sprecato. L'agricoltura utilizza quasi i tre quarti di tutta l’ acqua dolce utilizzata e i prelievi di acqua sono cresciuti di quasi il 65% dal 1970 al 2010.

L'estrazione di risorse è classificata come il secondo fattore più importante. Tra il 1970 e il 2017, l'estrazione di minerali metallici è aumentata di tre volte e mezzo e l'estrazione di sabbia, ghiaia e argilla è aumentata di quasi cinque volte. La produzione di legname grezzo è aumentata del 45%.

Circa 60 miliardi di tonnellate di risorse rinnovabili e non rinnovabili vengono ora estratte a livello globale ogni anno, essendo quasi raddoppiate dal 1980. L'estrazione delle risorse avviene spesso in combinazione con l'uso della terra e dei paesaggi marini e le relative emissioni e rifiuti possono guidare il cambiamento climatico e l'inquinamento.

Le emissioni umane di gas serra che intrappolano il calore guidano il cambiamento climatico.

Le emissioni di gas serra, in particolare anidride carbonica, metano e protossido di azoto, a seguito delle attività umane sono aumentate continuamente dalla rivoluzione industriale.

Emissioni globali di gas a effetto serra da tutte le fonti dal 1990 al 2019 (metano CH4, anidride carbonica CO2, protossido di azoto N2O). Clicca sull'immagine per ingrandire.

 

Le emissioni di gas serra sono aumentate dell'1,5% all'anno nell'ultimo decennio (dal 2009 al 2018). Le concentrazioni atmosferiche di gas serra hanno raggiunto livelli molto più alti che in qualsiasi momento negli ultimi 800.000 anni. Le emissioni di anidride carbonica da combustibili fossili e processi industriali hanno rappresentato quasi l'80% dell'aumento antropogenico totale delle emissioni in equivalenti di anidride carbonica dal 1970 al 2010.

Circa un quarto del riscaldamento è dovuto alle emissioni di gas a effetto serra prodotte dall'agricoltura, dalla silvicoltura e da altre forme di utilizzo del suolo.

I pozzi naturali oggi sono in grado di assorbire solo circa la metà di tutto emissioni di anidride carbonica, più o meno equamente suddivise tra ecosistemi terrestri e oceano. L'aumento dell'assorbimento di anidride carbonica sta causando l'acidificazione dannosa degli oceani

Per limitare il riscaldamento ben al di sotto dei 2°C, le emissioni globali nette delle attività umane devono raggiungere lo zero o addirittura diventare negative entro la metà del secolo.

Lo smaltimento, il rilascio e la fuoriuscita di sostanze chimiche, nutrienti e rifiuti stanno determinando il declino ambientale, soprattutto negli ecosistemi acquatici.

L'inquinamento è considerato il terzo fattore più importante della perdita di biodiversità nelle acque dolci e il quarto nei sistemi terrestri e marini.

Fino a 400 milioni di tonnellate di metalli pesanti, solventi, fanghi tossici e altri rifiuti industriali vengono scaricati ogni anno nelle acque del mondo e i fertilizzanti che entrano negli ecosistemi costieri hanno prodotto zone morte.

L'inquinamento marino da plastica è aumentato di dieci volte dal 1980. Le plastiche marine causano impatti ecologici da impigliamento e ingestione e possono anche fungere da vettore per specie invasive e inquinanti.

La capacità produttiva dell'industria chimica globale è quasi raddoppiata tra il 2000 e il 2017. L'inquinamento atmosferico (interno e ambientale), l'acqua potabile inquinata da agenti patogeni e servizi igienico-sanitari inadeguati attualmente causano milioni di morti premature all'anno.

Gli inquinanti come il carbone nero (fuliggine) agiscono anche come agenti forzati di breve durata ai cambiamenti climatici, mentre alcuni gas alogenati riducono lo strato di ozono stratosferico e agiscono come gas serra.

L'addomesticamento di animali e piante, la tecnologia genetica e la diffusione di specie esotiche invasive alterano la biodiversità.

L'addomesticamento e la selezione umana, a volte avvenuta nel corso di secoli o millenni, hanno creato una grande varietà di piante e animali utilizzati dagli esseri umani che sono altamente adattati alle condizioni locali. Tuttavia, il numero di varietà e razze locali di piante e animali domestici e dei loro parenti selvatici si è ridotto drasticamente a seguito del cambiamento dell'uso del suolo, della selezione selettiva per una maggiore produttività, della perdita di conoscenze, delle dinamiche di mercato e del commercio su larga scala.

 La tecnologia genetica ha aperto nuovi modi per alterare i tratti di microrganismi, piante e animali per aumentare la produzione o migliorare la tolleranza a parassiti, calore e siccità, ma la sua applicazione potrebbe potenzialmente avere effetti negativi sulla salute umana, sulla produzione alimentare e sull'ambiente se non gestita con attenzione .

La diffusione delle specie invasive è il quinto fattore diretto più importante della perdita di biodiversità.

I record cumulativi di specie aliene sono aumentati del 40% dal 1980 e sono associati a un aumento del commercio. Quasi un quinto della superficie terrestre è a rischio di invasioni di piante e animali. Una più rapida diffusione di malattie infettive, parzialmente causata dall'espansione della gamma di vettori come le zanzare, o dalla trasmissione di malattie zoonotiche come COVID-19, è una minaccia alla salute umana.

 

U.N. , Making Peace with Nature, 2021