sostenibilità_banner

Ogni anno 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono nell'oceano, mettendo in pericolo la fauna selvatica e inquinando gli ecosistemi. 

Ogni anno 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono nell'oceano, mettendo in pericolo la fauna selvatica e inquinando gli ecosistemi. 

Si prevede che questo numero aumenterà e senza miglioramenti nella gestione dei rifiuti, 90 milioni di tonnellate di plastica potrebbero entrare negli ecosistemi acquatici del mondo entro il 2030.

Sebbene la plastica abbia molti usi preziosi, siamo diventati dipendenti dalla plastica monouso o usa e getta , con gravi conseguenze ambientali. In tutto il mondo, ogni minuto vengono acquistate un milione di bottiglie di plastica per bere, mentre ogni anno vengono utilizzati 5 trilioni di sacchetti di plastica monouso. In totale, la metà di tutta la plastica prodotta è progettata per essere utilizzata una sola volta e poi gettata via. I rifiuti di plastica sono ora così onnipresenti nell'ambiente naturale che gli scienziati hanno persino suggerito che potrebbero servire come indicatore geologico dell'era dell'Antropocene

Il problema è peggiorato durante la pandemia COVID-19. Oltre al necessario aumento della plastica monouso per dispositivi di protezione individuale (DPI), alcuni governi e aziende hanno ritardato o eliminato i divieti nell’utilizzo dei sacchetti di plastica. 

Mentre l'aumento dell'uso della plastica è necessario per combattere la pandemia, in particolare per i DPI, i paesi devono garantire che questi cambiamenti di emergenza non facciano deragliare i progressi a lungo termine sull'approvazione di leggi volte a ridurre l'inquinamento da plastica. 

Divieti di plastica monouso

I divieti e le restrizioni sui prodotti in plastica monouso (che ne vietano direttamente la produzione, la distribuzione o l'uso) sono alcuni dei meccanismi legali più ampiamente utilizzati e di successo. Parte del loro successo è dovuto alla flessibilità della legislazione sul divieto che consente esenzioni per prodotti medici e altri usi necessari, promuovendo al contempo l'uso di prodotti alternativi come sacchetti di stoffa o di carta.

Tasse e incentivi economici

I governi possono anche imporre tasse per scoraggiare la produzione o l'uso di plastica monouso o offrire agevolazioni fiscali, sussidi e altri incentivi fiscali per incoraggiare alternative ai prodotti di plastica monouso.

Il Portogallo e la Danimarca hanno utilizzato efficacemente questi strumenti economici per aumentare l'uso di prodotti riutilizzabili e riciclati, rispettivamente. Tasse e incentivi possono essere applicati a particolari attività (come supermercati o produttori di plastica) o prodotti particolari (come coperchi di tazze di caffè in plastica o bottiglie di soda).

I governi possono anche utilizzare incentivi economici per incoraggiare i produttori ad adottare alternative alla plastica (come l'utilizzo della canna da zucchero per creare sacchetti di plastica) o per creare entrate che possono finanziare gli sforzi di pulizia dei rifiuti di plastica.

Standard di prodotto

Gli standard di prodotto, le certificazioni e i requisiti di etichettatura possono essere progettati per educare il pubblico sugli impatti ambientali della plastica e sui rischi per la salute e la sicurezza coinvolti nella loro produzione e utilizzo. La legislazione sui prodotti in plastica monouso può stabilire standard sulla composizione del materiale, riutilizzabilità, recuperabilità (per garantire che il prodotto possa essere riciclato), biodegradabilità e garantire che i prodotti possano essere compostati. Questo approccio può supportare la scelta dei consumatori di prodotti sostenibili.

Responsabilità estesa del produttore

I programmi di responsabilità estesa del produttore (EPR) possono garantire che i produttori mantengano la responsabilità per i prodotti in plastica monouso durante l'intero ciclo di vita di tali prodotti. Questi strumenti legislativi possono garantire progetti più sostenibili ritenendo i produttori responsabili della plastica monouso durante la raccolta, il recupero, il riciclaggio o il riutilizzo dei loro prodotti.

 

La pandemia di coronavirus ha rivelato l'importanza dell'uso a breve termine della plastica per frenare i focolai e aiutare le persone a sentirsi al sicuro. Ma non c'è tempo per fare i conti lentamente sulla questione a lungo termine dei rifiuti di plastica. Abbiamo bisogno di maggiore ambizione e innovazione da parte dei governi, delle aziende e della società civile, nonché l' adozione ponderata di una serie di politiche preventive e misure legislative per affrontare la portata del problema.

 

4 Ways to Reduce Plastic Pollution, world resources institute