Artemis I il primo test di volo senza equipaggio per andare sulla Luna

Artemis I sarà il primo test di volo senza equipaggio del razzo Space Launch System e della navicella spaziale Orion. Il volo apre la strada all'atterraggio della prima donna e della prima persona di colore sulla Luna!

Il programma Artemis (Artemide, dea della caccia e delle arti) è un programma di volo spaziale con equipaggio in corso portato avanti principalmente dalla NASA, dalle aziende di voli spaziali commerciali statunitensi e da partner internazionali come l'ESA, la JAXA e la Canadian Space Agency (CSA) con l'obiettivo di far sbarcare "la prima donna e il prossimo uomo" sulla Luna, in particolare nella regione del polo sud lunare, entro il 2024.

Perché tornare sulla Luna

La Luna è uno scrigno di tesori della scienza. I campioni lunari restituiti durante il programma Apollo hanno cambiato radicalmente la nostra visione del sistema solare.  La NASA ritiene che i poli della Luna contengano milioni di tonnellate di ghiaccio e quel ghiaccio, nella visione americana, rappresenta il potere. Rappresenta carburante. Rappresenta la scienza. Più gli esseri umani si avventurano nello spazio, più diventa importante fabbricare materiali e prodotti con risorse locali. 

Il desiderio di scoprire e abitare mondi lontani è un sogno dell’uomo fin dai tempi lontani, ben interpretato da numerosi film.

È anche fondamentale per la continuazione della nostra specie. L'umanità deve costruire un percorso verso un'esistenza indipendente dalla Terra.

L'esplorazione della Luna e di Marte è intrecciata.  Nell’esplorazione dell’Universo, la Luna è un banco di prova per Marte. Offre l'opportunità di dimostrare nuove tecnologie che potrebbero aiutare a costruire avamposti autosufficienti lontano della Terra.

L’esplorazione della Luna significa economia e, al giorno d’oggi, anche una nuova corsa allo spazio tra potenze contrapposte. Un'economia spaziale basata sull'estrazione mineraria, il turismo e la ricerca scientifica.

Il programma Artemis sarà in diretta competizione con il programma congiunto Russia-Cina.

La nuova corsa alla Luna potrebbe così diventare una sfida tra due fronti: democrazie da una parte e regimi autoritari dall’altra.

Artemis-1.

La NASA punta al al lancio del suo potente razzo Space Launch System e della navicella spaziale Orion insieme per la prima volta da un Kennedy Space Center modernizzato in Florida. Questo test di volo senza equipaggio dimostrerà la capacità del vettore di inviare l'astronave in orbita lunare.

Space Launch System (SLS)

Il razzo Space Launch System (SLS), il sistema di lancio orbitale non riutilizzabile derivato dallo Space Shuttle e progettato dalla NASA

La navicella Orion

Artemis 1 ha lo scopo di dimostrare l'affidabilità dell'SLS e dei sistemi principali dell'Orion, incluso il modulo di servizio, in preparazione di un volo con equipaggio, e di collaudare lo scudo termico in un rientro ad alta velocità.

 Durante questo volo, la navicella spaziale Orion senza equipaggio verrà lanciato con il razzo e viaggerà per migliaia di miglia oltre la Luna, più lontano di quanto qualsiasi veicolo spaziale costruito per l'uomo abbia mai volato, nel corso di una missione di circa tre settimane. 

All’interno della capsula Orion ci sanno Helga e Zohar, due manichini.

Durante tutto il viaggio, 5600 sensori disseminati sul corpo dei manichini misureranno la quantità di radiazioni cosmiche e particelle di vento solare ricevuta al di fuori dalla protezione del campo magnetico terrestre.

Helga e Zohar sono composte di 38 strati di plastica di vario spessore, che simulano la densità di ossa, organi e tessuti. Sono simili ai manichini utilizzati negli ospedali per testare la giusta quantità di radiazioni da impiegare nelle terapie oncologiche. I sensori sono stati posizionati in corrispondenza degli organi più sensibili alle radiazioni (polmoni, apparato digerente, utero, midollo osseo): l'obiettivo è misurare le radiazioni in entrata sia a livello della "pelle", sia nelle parti più interne del finto corpo.

Il programma per Artemis-1.

Il programma per Artemis-1. Clicca sull’immagine per ingrandire