Artemis I il primo test di volo senza equipaggio per andare sulla Luna

Artemis I sarà il primo test di volo senza equipaggio del razzo Space Launch System e della navicella spaziale Orion. Il volo apre la strada all'atterraggio della prima donna e della prima persona di colore sulla Luna! La partenza di Artemis I. Orion in viaggio verso la Luna.

#artemis, #luna



Le ultime notizie - Orion in viaggio verso la Luna e il suo ritorno

28 novembre 2022

Il giorno 13 del volo, Orion ha raggiunto la sua massima distanza dalla Terra durante la missione Artemis I, quando si trovava a 268.563 miglia dalla Terra. Orion ha ora viaggiato più lontano di qualsiasi altro veicolo spaziale costruito per gli umani. (Credit. NASA)

26 novembre 2022

Il giorno 11 della missione Artemis I, Orion continua il suo viaggio oltre la Luna dopo essere entrato in una lontana orbita retrograda venerdì 25 novembre alle 15:52 CST. Orion rimarrà in questa orbita per sei giorni prima di uscire dall'orbita lunare per riportare il veicolo spaziale su una traiettoria verso la Terra e domenica 11 dicembre, atterrare nell'Oceano Pacifico.

Orion ha superato il record di distanza per una missione con un veicolo spaziale progettato per trasportare gli esseri umani nello spazio profondo e tornare sulla Terra, alle 7:42 di sabato 26 novembre. Il record è stato stabilito durante la missione Apollo 13 a 248.655 miglia dal nostro pianeta natale. Alla sua massima distanza dalla Luna, Orion sarà a più di 270.000 miglia dalla Terra lunedì 28 novembre.

25 novembre 2022

Orion vola a circa 40.000 miglia sopra la Luna. A causa della distanza dell'orbita, Orion impiegherà quasi una settimana per completare mezza orbita attorno alla Luna, dove uscirà dall'orbita per il viaggio di ritorno a casa.

21 novembre 2022

Il sorgere della Terra visto dalla navicella spaziale Orion

La Terra sorge da dietro la Luna in questo video catturato da una telecamera su una delle ali del pannello solare di Orione. Il video è stato ripreso alle 8:05 EST del sesto giorno di volo della missione di 25,5 giorni. (Credit. NASA)

20 novembre 2022

Il veicolo spaziale è entrato nella sfera di influenza lunare alle 13:09 CST , rendendo la Luna, invece della Terra, la principale forza gravitazionale che agisce sul veicolo spaziale. 

L'orbita di Orion sarà "retrograda" perché viaggerà intorno alla Luna nella direzione opposta alla direzione in cui la Luna viaggia intorno alla Terra. 

Orion ha percorso 374.494 Km  dalla Terra, si trova a 63.570 Km dalla Luna e viaggia a 597 Km all'ora.

Orion ha inviato immagini mentre si avvicinava alla Luna

Quando la navicella spaziale è emersa dal lato più lontano della Luna, ha scattato un'immagine della  Terra

18 novembre 2022

ARTEMIS 1. Orion cattura la luna con la fotocamera sul pannello solare. Il terzo giorno della missione Artemis I, Orion ha manovrato i suoi pannelli solari e ha catturato la Luna con una telecamera montata all'estremità del sistema. La navicella è ora a metà strada verso la Luna. (Credit. NASA)

17 novembre 2022

Il secondo giorno della missione Artemis I di 25,5 giorni, Orion ha utilizzato la sua fotocamera di navigazione ottica per scattare foto in bianco e nero del pianeta Terra. Orion utilizza la telecamera di navigazione ottica per acquisire immagini della Terra e della Luna in diverse fasi e distanze, fornendo un corpus di dati potenziato per certificare la sua efficacia come metodo per determinare la sua posizione nello spazio per future missioni in diverse condizioni di illuminazione.

Il team ha attivato Callisto, una dimostrazione tecnologica in collaborazione con Amazon e Cisco. Callisto si trova nella cabina di Orion e testerà la tecnologia vocale e video che potrebbe assistere i futuri astronauti nelle missioni nello spazio profondo.



Il programma Artemis (Artemide, dea della caccia e delle arti) è un programma di volo spaziale con equipaggio in corso portato avanti principalmente dalla NASA, dalle aziende di voli spaziali commerciali statunitensi e da partner internazionali come l'ESA, la JAXA e la Canadian Space Agency (CSA) con l'obiettivo di far sbarcare "la prima donna e il prossimo uomo" sulla Luna, in particolare nella regione del polo sud lunare, entro il 2024.

Perché tornare sulla Luna

La Luna è uno scrigno di tesori della scienza. I campioni lunari restituiti durante il programma Apollo hanno cambiato radicalmente la nostra visione del sistema solare.  La NASA ritiene che i poli della Luna contengano milioni di tonnellate di ghiaccio e quel ghiaccio, nella visione americana, rappresenta il potere. Rappresenta carburante. Rappresenta la scienza. Più gli esseri umani si avventurano nello spazio, più diventa importante fabbricare materiali e prodotti con risorse locali. 

Il desiderio di scoprire e abitare mondi lontani è un sogno dell’uomo fin dai tempi lontani, ben interpretato da numerosi film.

È anche fondamentale per la continuazione della nostra specie. L'umanità deve costruire un percorso verso un'esistenza indipendente dalla Terra.

L'esplorazione della Luna e di Marte è intrecciata.  Nell’esplorazione dell’Universo, la Luna è un banco di prova per Marte. Offre l'opportunità di dimostrare nuove tecnologie che potrebbero aiutare a costruire avamposti autosufficienti lontano della Terra.

L’esplorazione della Luna significa economia e, al giorno d’oggi, anche una nuova corsa allo spazio tra potenze contrapposte. Un'economia spaziale basata sull'estrazione mineraria, il turismo e la ricerca scientifica.

Il programma Artemis sarà in diretta competizione con il programma congiunto Russia-Cina.

La nuova corsa alla Luna potrebbe così diventare una sfida tra due fronti: democrazie da una parte e regimi autoritari dall’altra.

Artemis-1.

La NASA punta al al lancio del suo potente razzo Space Launch System e della navicella spaziale Orion insieme per la prima volta da un Kennedy Space Center modernizzato in Florida. Questo test di volo senza equipaggio dimostrerà la capacità del vettore di inviare l'astronave in orbita lunare.

Space Launch System (SLS)

Il razzo Space Launch System (SLS), il sistema di lancio orbitale non riutilizzabile derivato dallo Space Shuttle e progettato dalla NASA

La navicella Orion

Artemis 1 ha lo scopo di dimostrare l'affidabilità dell'SLS e dei sistemi principali dell'Orion, incluso il modulo di servizio, in preparazione di un volo con equipaggio, e di collaudare lo scudo termico in un rientro ad alta velocità.

 Durante questo volo, la navicella spaziale Orion senza equipaggio verrà lanciato con il razzo e viaggerà per migliaia di miglia oltre la Luna, più lontano di quanto qualsiasi veicolo spaziale costruito per l'uomo abbia mai volato, nel corso di una missione di circa tre settimane. 

All’interno della capsula Orion ci sanno Helga e Zohar, due manichini.

Durante tutto il viaggio, 5600 sensori disseminati sul corpo dei manichini misureranno la quantità di radiazioni cosmiche e particelle di vento solare ricevuta al di fuori dalla protezione del campo magnetico terrestre.

Helga e Zohar sono composte di 38 strati di plastica di vario spessore, che simulano la densità di ossa, organi e tessuti. Sono simili ai manichini utilizzati negli ospedali per testare la giusta quantità di radiazioni da impiegare nelle terapie oncologiche. I sensori sono stati posizionati in corrispondenza degli organi più sensibili alle radiazioni (polmoni, apparato digerente, utero, midollo osseo): l'obiettivo è misurare le radiazioni in entrata sia a livello della "pelle", sia nelle parti più interne del finto corpo.


Il programma per Artemis-1.

Il programma per Artemis-1. Clicca sull’immagine per ingrandire

 

Il lancio di ARTEMIS.

Il razzo Space Launch System (SLS) della NASA con la navicella spaziale Orion a bordo. La missione Artemis I della NASA è il primo test integrato dei sistemi di esplorazione dello spazio profondo dell'agenzia: la navicella spaziale Orion, il razzo SLS e i sistemi di terra di supporto. Photo Credit: (NASA/Joel Kowsky)

Il razzo Space Launch System della NASA , che trasportava la navicella Orion senza equipaggio, è decollato dal Launch Complex 39B in Florida il 16 novembre 2022 all'1:47 EST.

Alto 111 metri e dal diametro di 8,4, Space Launch System (SLS) è il più grande razzo mai costruito e decollerà dalla rampa 39B del Kennedy Space Center, da dove partì la decima missione del programma Apollo.

Dopo aver rilasciato dieci piccoli satelliti, SLS si muoverà verso l’orbita del nostro satellite, dove arriverà nel giro di una settimana. Una volta effettuati alcuni passaggi radenti, definiti in gergo “flyby“, il 10 ottobre tornerà sulla Terra dove la capsula Orion, destinata ad ospitare in futuro quattro astronauti, ammarerà nell’Oceano Pacifico, al largo di San Diego.

La partenza di ARTEMIS 1. Il razzo Mega Moon è decollato alle 06:50 GMT sotto gli occhi di decine di migliaia di persone che si erano allineate lungo la Space Coast intorno a Cape Canaveral, in Florida. Mega Moon il razzo più potente che abbia mai lasciato la Terra. (credit: NASA)

Orion in viaggio verso la Luna

Su Orion ci sono 16 telecamere che documenteranno gli eventi della missione essenziali tra cui decollo, ascesa, dispiegamento di pannelli solari, ispezioni di razzi esterni, atterraggio e recupero e acquisire immagini della Terra e della Luna.

ARTEMIS 1. Orion in viaggio verso la Luna. Lo stadio di propulsione criogenico provvisorio (ICPS) ha completato la sua combustione di iniezione trans-lunare (TLI) di circa 18 minuti e il veicolo spaziale si è separato dallo stadio. Orion ha acceso i suoi propulsori ausiliari per allontanarsi a una distanza di sicurezza dallo stadio esaurito e la navicella è in viaggio verso la Luna. (Credit: NASA)

Una vista della Terra vista dalla capsula Artemis I Orion a circa 9 ore di volo il 16 novembre 2022. (Credito immagine: NASA TV)

La navicella spaziale senza equipaggio Orion della NASA si sta dirigendo verso la Luna in una missione di 25,5 giorni oltre la superficie lunare. Uno degli obiettivi primari è verificare l’efficienza dello scudo termico di Orion alle condizioni di rientro, verificare le operazioni e le strutture durante tutte le fasi della missione e recuperare il veicolo spaziale dopo lo schianto.

Il programma Artemis  per tornare sulla Luna

Artemis 1 si limiterà a sorvolare la Luna, pur dandoci la possibilità di avere immagini ad altissima definizione e a distanza ravvicinata che promettono di essere mozzafiato. È solo l’inizio di un programma che prevede altre missioni: la più importante, Artemis 3, è prevista nel 2025 e porterà la prima donna e il tredicesimo uomo sul suolo lunare.

Lo scopo a lungo termine è quello di portare poi altri equipaggi per restarci, come ha da tempo annunciato la NASA.

Gli equipaggi avranno il compito di gettare le basi per costruire un avamposto stabile, che possa far da supporto per i futuri viaggi dell’uomo verso Marte.

La missione, che ha un’enorme importanza per gli Stati Uniti per ridare alla NASA il ruolo di assoluta protagonista dello spazio, è di grande valore anche per l’Europa, che riveste un ruolo molto importante per la buona riuscita del programma.

L’ESA partecipa a tutte le tappe del programma, realizzando il Modulo di Servizio Europeo per la capsula Orion, con alcuni elementi progettati in Italia dalla Thales Alenia Space e, in futuro, anche la possibilità per tre astronauti europei non solo di viaggiare nell’orbita lunare ma anche, probabilmente, di camminare sul satellite.

 



Articoli correlati

 



 

 

 

 

Pin It