Le nuove navicelle Orlyonok e Oryol destinate ai voli in orbita bassa terrestre (LEO)

Le nuove navicelle Orlyonok e Oryol destinate ai voli in orbita bassa terrestre (LEO)

 

Alcuni governi stanno incoraggiando l'attività spaziale privata per ulteriori rivendicazioni "territoriali" nazionali o per promuovere lo sviluppo di posti di lavoro di alto valore, in particolare nella zona di Low Earth Orbit (LEO) o Medium Earth Orbit (MEO), oltre a potenziare le loro forze armate. Un maggiore sfruttamento di queste orbite comporta il rischio di congestione, un aumento dei detriti e la possibilità di collisioni.

Un'orbita terrestre bassa (low Earth orbit, o LEO) è un'orbita attorno alla Terra di altitudine compresa tra l'atmosfera e le fasce di van Allen, ossia tra 300 e 1000 km.

Un'orbita terrestre media ( medium Earth orbit o MEO) è un'orbita attorno alla Terra di altitudine compresa tra le fasce di van Allen e l'orbita geostazionaria, ovvero tra i 2 000 ed i 35 786 km.

Un'orbita geostazionaria (Geostationary Earth Orbit o GEO) è un'orbita circolare ed equatoriale situata a una altezza tale per cui il periodo di rivoluzione di un satellite che la percorre, in particolare un satellite artificiale, coincide con il periodo di rotazione della Terra. 

Un'orbita altamente ellittica (HEO, Highly Elliptical Orbit), anche indicata come orbita ad elevata eccentricità (High-Eccentricity Orbit), è un'orbita geocentrica ellittica con perigeo a bassa quota, generalmente inferiore ai 1.000 chilometri, ed apogeo a quota molto elevata, anche superiore ai 35.000 chilometri. 

Il tradizionale mercato dei satelliti commerciali Geostationary Orbit (GEO), che ha dominato il settore delle comunicazioni per decenni, sta ora perdendo valore commerciale a causa della concorrenza di nuovi attori che cercano di fornire servizi da LEO o MEO.

Le nuove navicelle Orlyonok e Oryol destinate ai voli in orbita bassa terrestre (LEO)

Per cercare di non rimanere eccessivamente indietro nella nuova "corsa allo Spazio" rispetto agli Stati Uniti, la Russia sta cercando di aggiornare i propri programmi spaziali con alcune novità. Nei prossimi mesi arriveranno per esempio i lanciatori Angara-A5M ma anche le nuove navicelle Orlyonok e Oryol destinate ai voli in orbita bassa terrestre (LEO) e per le missioni lunari. Queste dovrebbero sostituire le affidabili ma ormai relativamente obsolete Soyuz.

In particolare Orlyonok è pensata per rifornire la nuova stazione orbitante russa (ROSS) che sta venendo sviluppata congiuntamente.

Il primo volo senza equipaggio di Oryol (con quattro sedili) dovrebbe essere programmato per dicembre 2023 dallo spazioporto di Vostochny. Sempre stando alle informazioni, sembra che Orlyonok (con due sedili) potrebbe utilizzare fino al 90% dei componenti in comune con la versione più grande. 

Emissione filatelica Russia 2020. Orel ( Russian : Орёл) o Oryol. E’ un progetto di Roscosmos per sviluppare una navicella spaziale con equipaggio di nuova generazione, parzialmente riutilizzabile .

Orel è progettato per essere in grado di trasportare equipaggi di quattro persone nell'orbita terrestre e oltre, con diverse versioni di massa adatte per missioni di 5, 14 o 30 giorni. Se agganciata a una stazione spaziale, potrebbe rimanere nello spazio fino a un anno, il doppio della durata della navicella Soyuz. Il veicolo spaziale invierà cosmonauti in orbita lunare, con un piano per collocarvi una stazione spaziale, chiamata Lunar Orbital Station .