Nel 1933 fu approvato il decreto statale relativo alla creazione del primo Reactive Scientific-Research Institute (RNII).

Partecipanti GIRD

Dal 1933, lo Stato dell’Unione Sovietica prese parte allo sviluppo della missilistica. Con decreto statale diede il via al Reactive Scientific-Research Institute (RNII)

#RNII, #21settembre, #Korovel, #Katyusha

Quando si studia il ruolo dello Stato e dei suoi leader nella storia della cosmonautica e della tecnologia missilistica nell'Unione Sovietica, è consigliabile prendere l'anno 1933 come punto di partenza.

Nel 1933 fu approvato il decreto statale relativo alla creazione del primo Reactive Scientific-Research Institute (RNII).

Il 16 maggio 1932 Mikhail Tukhachevsky depositò un memorandum in base alla quale il GIRD e il Laboratorio statale di dinamica del gas (GDL) di Leningrado avrebbero dovuto essere combinati, e il risultato è stato il Reaction-Engine Scientific Research Institute (RNII), fondato il 21 settembre 1933.

GIRD — Il Group for Investigation of Reactive Motion fu la prima organizzazione professionale per lo sviluppo dei razzi nell'URSS

RNII — Reaktivnyy nauchno-issledovatelskiy institut. La parola "reaktivnyy" (che letteralmente significa "reattivo") in russo è comunemente usata per denotare "propulsione a reazione" come nella frase "motore a propulsione a reazione". Tuttavia, in senso stretto, la parola "reattivo" comprende non solo i motori a reazione che respirano aria, ma anche i motori a razzo che trasportano tutti i propri propellenti. Non era raro negli anni '30 e '40 che la parola "reattivo" denotasse sia la propulsione a reazione che quella a razzo. Nel caso particolare dell'RNII, "reattivo" era inteso principalmente per rappresentare lo sviluppo di ciò che ora chiamiamo motori a razzo.

L'iniziatore di questa decisione è stato Mikhail Nikolayevich Tukhachevskiy, vice commissario del popolo per gli affari militari e navali e vicepresidente del Consiglio militare rivoluzionario, responsabile dell'armamento dell'Armata Rossa.

Mikhail Nikolayevich Tukhachevsky

Mikhail Nikolayevich Tukhachevsky (16 febbraio 1893 - 12 giugno 1937) soprannominato Napoleone Rosso dai giornali stranieri, è stato un importante leader militare sovietico dal 1918 e teorico. Egli è stato un grande sostenitore della modernizzazione degli armamenti sovietici e della struttura delle forze dell'esercito negli anni tra il 1920 e il 1930 ed divenne determinante per lo sviluppo dell’aviazione sovietica. 

Alla RNII condussero un programma di ricerca ad ampio raggio e sviluppando vari missili balistici e da crociera con vari tipi di motori.

Durante i primi anni dell'industrializzazione del paese lo stato stimolò l'organizzazione del lavoro su larga scala per questo nuovo e promettente campo di ricerca. Tukhachevskiy, essendo un importante leader militare nel sistema statale, intuì che costruzione di razzi doveva essere sostenuta prima di tutto dalla tecnologia all'avanguardia e dall'industria moderna, piuttosto che dall'entusiasmo di individui solitari che sognano voli interplanetari. Pertanto, alla fine del 1933, con risoluzione del Consiglio del lavoro e della difesa, la RNII fu trasferita alla giurisdizione del Commissariato del popolo per l'industria pesante, che era guidata da Sergo Ordzhonikidze.

Tuttavia, quattro anni dopo la creazione della RNII, lo stato totalitario giustiziò l'iniziatore di questo campo di ricerca, il maresciallo Tukhachevskiy, e dopo di lui la guida della RNII: il direttore Kleymenov e l'ingegnere capo Langemak. Nel mezzo delle repressioni di massa, Ordzhonikidze pose fine alla sua vita suicidandosi. Nel 1938, lo stato prese misure punitive anche contro Glushko e Korolëv.

Per un breve periodo, Sergei Korolev lavorò come vice capo della RNII ma, a causa di conflitti di personalità tra lui e il nuovo capo Ivan Kleimenov e un ingegnere capo, Georgi Langemak, Korolev fu riassegnato a guidare un dipartimento all'interno della RNII. Nel periodo post-sovietico, i documenti d'archivio rivelarono un rapporto a Kleimenov firmato da Korolev il 17 gennaio 1934, che conteneva critiche dure all'istituto. Korolev chiese di licenziare l'intera gestione dell’istituto. L’effetto del rapporto fu a sua volta una richiesta da parte di Kleimenov al Comitato Centrale del Partito Comunista di licenziare Korolev!

La questione fu risolta con Langemak che sostituì Korolev come vice capo nel gennaio 1934. Tre anni dopo, però, nell'ondata di terrore di Stalin che investì l'Unione Sovietica, questo cambiamento amministrativo relativamente minore fece la differenza tra la vita e la morte per Korolev. La stessa mossa fu anche la condanna a morte per Langemak.

Il 23 giugno 1935 Konstantin Tsiolkovsky fu eletto membro onorario del consiglio. 

Nel 1937, il regno del terrore scatenato da Stalin e dai suoi associati raggiunse il suo massimo. 

Sebbene non ci fosse un solo individuo nella nazione che potesse sentirsi al sicuro dalla persecuzione, l'intellighenzia sovietica con qualsiasi legame apparente o presunto con la vecchia élite rivoluzionaria bolscevica divenne uno degli obiettivi primari delle purghe di Stalin. Non sorprende che questo abbia reso la dirigenza del RNII una vittima perfetta di Stalin.

Nel gennaio 1937, l'RNII fu trasferito al Commissariato popolare dell'industria della difesa e ribattezzato Istituto di ricerca scientifica 3 (NII-3).

Il 13 giugno 1937, il maresciallo Tukhachevsky, una figura di spicco nel partito bolscevico, era stato arrestato e giustiziato come "nemico del popolo". Tukhachevsky era un mecenate della pima ora del NII-3. Successivamente seguirono arresti all'interno dell'istituto. Il direttore dell'istituto e il suo vice furono giustiziati, mentre i principali ingegneri Valentin Glushko e Sergei Korolev furono condannati a lunghe pene detentive.

Andrei Kostikov, che secondo gli storici russi potrebbe aver ispirato gli arresti nel NII-3 per far progredire la propria carriera, assunse la direzione dell'istituto. Sotto la supervisione di Kostikov, il NII-3 portò a termine lo sviluppo di missili a corto raggio non guidati, che divennero noti durante la seconda guerra mondiale come razzi Katyusha. 

Un Katjuša russo, conquistato dai reparti di artiglieria dell'ARMIR

Un Katjuša russo, conquistato dai reparti di artiglieria dell'ARMIR (comandati da Mario Balotta), testato dai soldati italiani.

Nell'ottobre 1941, di fronte all'avanzata tedesca verso Mosca, la RNII fu evacuata nella regione degli Urali.

l 15 luglio 1942, il Comitato di difesa dello Stato, GKO, emise il decreto n. 2046, riorganizzando NII-3 nell'Istituto statale di tecnologia reattiva, o GIRT. 

Due anni dopo, NII-3 fu trasferito al Commissariato del popolo delle munizioni e nel luglio 1942 è stato direttamente subordinato al Consiglio dei commissari del popolo dell'URSS e ribattezzato Istituto statale di tecnologia reattiva. La giurisdizione sull'istituto fu trasferita dal Narkomat of Munitions, NKB, al Soviet dei commissari del popolo, SNK. Sotto il SNK, all'istituto fu assegnato il compito di sviluppare un intercettore a propulsione a razzo.

Nel febbraio 1944, l'istituto fu trasferito al Commissariato popolare dell'industria aeronautica e denominato Istituto di ricerca scientifica 1 (NII-1) sotto la giurisdizione del Commissariato popolare dell'industria aeronautica

Nel luglio 1944, le autorità di Mosca appresero dell'esistenza di un'arma segreta tedesca: il missile balistico A-4 . Da quel momento, l'indagine sulla tecnologia tedesca divenne un compito primario dell'istituto.

 

Partecipanti GIRD

Partecipanti GIRD al lancio del 17 agosto 1933 sul luogo dell'impatto del Veicolo 09: (In piedi, ultima fila): Sergei Korolëv, ingegnere senior NI Efremov, autista Budkov, capo della brigata 1 LK Korneev, tecnici di assemblaggio AS Raetskiy e LA Ikonnikov. Seduti, in prima fila: capo dei tecnici di montaggio Evgeny Matysik, ingegneri della brigata 2: Olga Parovina, Nina Shulgina e Zinaida Kruglova. Foto di BV Shedko, macchinista di GIRD.

La ricerca RNII

Il RNII continuò lo sviluppo di missili a propellente solido avviato nel GDL e assorbì la ricerca nel campo della missilistica a propellente liquido ereditata dal GIRD, compreso lo sviluppo di un aliante a razzo e missili alati.

Si svilupparono a propellente a polvere, originariamente un progetto della GDL, rimase un obiettivo chiave del RNII. Durante il 1933-1940, l'istituto lavorò su diverse varianti di tali missili, progettati per il combattimento terra-aria, terra-superficie e terra-terra.

Alcuni aerei da combattimento e dei bombardieri furono progettati per trasportare i missili.

Durante l'estate del 1939, gli aerei da combattimento sovietici lanciarono missili contro gli aerei giapponesi durante la guerra sovietico-giapponese in Estremo Oriente.

Venne sviluppato un sistema di lancio permissili che venne adottato negli armamenti nel 1941 e prese parte alla seconda guerra mondiale. Conosciuti come razzi Katyusha, il sistema fu utilizzato per la prima volta il 14 luglio 1941 per un attacco contro un nodo ferroviario vicino alla città di Orsha, dove si stavano concentrando le truppe tedesche che avanzavano verso Mosca. 

Secondo le memorie post-sovietiche, durante la seconda guerra mondiale furono consegnati all'esercito sovietico un totale di 12 milioni di missili di tipo RS. 

A causa della precisione relativamente bassa dei missili, l'establishment militare considerava la nuova arma come un potenziale vettore di cariche chimiche. A tal fine, il RNII, (rinominato NII-3 nel 1936), sviluppò missili RKhS-132.

Dopo la sua rimozione come vicedirettore della RNII, Sergei Korolev assunse la direzione del dipartimento che sviluppava missili alati.

All'inizio del 1936 Korolev sviluppò un concetto per un aliante con equipaggio. Il veicolo avrebbe dovuto raggiungere una velocità di 300 metri al secondo e salire fino ad un'altitudine massima di 25 chilometri. Due persone, che indossavano tute a pressione, avrebbero pilotato il velivolo.

 

 

Boris E. Chertok, rocket and people vol 1, 2005

Russianspaceweb, Storia del Rocket Research Institute, RNII

 


Continua a leggere


 <---

Von Braun si unisce al programma missilistico dell'esercito tedesco

Wernher von Braun si unisce al programma missilistico dell'esercito


--->

Il centro di ricerca militare di Peenemünde fu impiantato nel 1936 come istituzione di sviluppo e ricerca dell'esercito della Wehrmacht, a nord dell'isola di Usedom. Sotto il comando di Walter Dornberger e con la guida tecnica di Wernher von Braun, in tale zona militare fu sviluppato e testato soprattutto l'A4, primo missile balistico funzionante, poi noto nella propaganda nazista come V2.

Il team tedesco della VfR si trasferisce a Peenemünde