Nel 1650 Siemienowicz pubblicò l'opera Artis Magnae Artilleriae pars prima (Grande arte dell'artiglieria, prima parte).

Kazimierz Siemienowicz pubblica “Artis Magnae Artilleriae”

Tra il 1600 e il 1800 si ebbe un’importante evoluzione costruttiva dei razzi passando da semplici frecce incendiare a veri e propri bolidi volanti. Nel 1650 Siemienowicz pubblicò l'opera Artis Magnae Artilleriae pars prima (Grande arte dell'artiglieria, prima parte).

 

Tra il 1600 e il 1800 si ebbe un’importante evoluzione costruttiva dei razzi passando da semplici frecce incendiare a veri e propri bolidi volanti. In questo periodo molte persone di diversa nazionalità lavorarono per modificarne forme, dimensioni e peso ma tutti i prototipi  avevano una cosa comune: utilizzavano come propellente la polvere nera.

Nel 1650 Kazimierz Siemienowicz pubblicò “Artis Magnae Artilleriae pars prima” (la grande arte dell’artiglieria, prima parte) dove illustrò una serie di razzi sorprendentemente molto simili ai disegni di oggi.

Ritratto di Kazimierz Siemienowicz

Ritratto di Kazimierz Siemienowicz (c 1600 - c 1651), è stato un generale di artiglieria polacco-lituano, armaiolo, ingegnere militare, specialista di artiglieria e pioniere della missilistica. Nato nel Granducato di Lituania, ha servito gli eserciti del Commonwealth polacco-lituano. Il ritratto riportato in figura è un particolare dell’emissione filatelica della Bielorussa del 1995.

 

Chi era Kazimierz Siemienowicz?

Nacque nella regione Raseiniai del Granducato di Lituania.

Fin dall'infanzia fu affascinato dall'artiglieria e studiò molte scienze per accrescere le sue conoscenze (matematica, meccanica, idraulica, architettura, ottica, tattica). 

Nel 1632–1634 prese parte alla guerra di Smolensk , all'assedio di Belaya sotto Mikołaj Abramowicz (che nel 1640 divenne il primo generale d'artiglieria lituano).  

Trascorse un po' di tempo nei Paesi Bassi. Nel 1646 tornò in Polonia quando Ladislao creò il corpo di artiglieria polacca e riunì specialisti dall'Europa, progettando una guerra con l'Impero Ottomano. Siemienowicz prestò servizio come esperto di ingegneria nei campi dell'artiglieria e della missilistica nelle forze di artiglieria reali. 

Alla fine del 1648 il neoeletto re Giovanni II Casimiro Vasa , che non aveva piani per la guerra con gli ottomani, gli consigliò di tornare nei Paesi Bassi e di pubblicarvi i suoi studi.

Artis Magnae Artilleriae

Nel 1650 Kazimierz Siemienowicz pubblicò “Artis Magnae Artilleriae pars prima” (la grande arte dell’artiglieria, prima parte) dove illustrò una serie di razzi sorprendentemente molto simili ai disegni di oggi.

Il titolo del libro implicava una seconda parte ma si pensa che Kazimierz sia stato ucciso e che il secondo manoscritto sia andato distrutto per mano dei membri di una corporazione che si opponeva alla pubblicazione di un libro che svelasse i segreti delle armi.

Nonostante le forti resistenze, “Artis Magnae Artilleriae pars prima” fu stampato in prima edizione ad Amsterdam nel 1650, in seguito fu tradotto in francese nel 1651, in tedesco nel 1676, in inglese e olandese nel 1729.

Rockets Mounted to Sticks

Fig. 48-53 e 55-59: Razzi. Fig. 54: Cilindro di legno riempito con polvere in scatola e palline leggere, inserito nel razzo in figura 50. Siemienowicz, Kazimierz. “Plate G: Rockets Mounted to Sticks.” In Artis Magnae Artilleriae. Amsterdam, Netherlands: Jan Jansson, 1650.

Plate H: Rockets Mounted without Sticks; Water Rockets; Rockets Mounted to Lines

Fig. 60: Razzo montato su un bastone. Fig. 61, 62, 64, 65 e 73-76: Razzi. Fig. 63: Piattaforma di lancio per razzo ad ali, come in figura 61. Fig. 66-72: Razzi d'acqua. Siemienowicz, Kazimierz. “Plate H: Rockets Mounted without Sticks; Water Rockets; Rockets Mounted to Lines.” In Artis Magnae Artilleriae. Amsterdam, Netherlands: Jan Jansson, 1650.

Per oltre due secoli questo lavoro è stato utilizzato in Europa come base per l’artiglieria. Il libro forniva i disegni per la creazione dei razzi, palle di fuoco e altri dispositivi pirotecnici. Inoltre conteneva un ampio capitolo sulla costruzione, la produzione e le proprietà dei razzi (sia per scopi militari che civili), tra cui i razzi multistadio, le batterie di missili e razzi con l’ala stabilizzatrice (invece delle comuni aste di guida).

Nota bene. I razzi descritti finora avevano una sola carica di polvere nera, per cui il razzo saliva finché non finiva il propellente. Il razzo multistadio prevedeva l’inserimento di un razzo più piccolo in cima ad uno più grande e fare in modo che si accendesse quando il primo aveva finito la propria azione permettendo al razzo di raggiungere distanze maggiori.

FDC Lituana dedicata a Kazimierz Siemienowicz e al suo libro “Artis Magnae Artilleriae pars prima” pubblicato nel 1650. L’immagine riprodotta sul francobollo e sulla busta è tratta dal libro.

Sul retro della busta si legge: ”Un importante contributo allo sviluppo della tecnologia del razzo. Kazimieras Simonavičius studiò presso l'università di Vilnius. Dopo, continuò il suo addestramento nei Paesi Bassi. Nel 1650, a Amsterdam,scrisse un libro in latino con il titolo "La grande arte dell'artiglieria" . Il libro descrive la costruzione razzi con combustibili solidi a più stadi (a basso costo), nonché batterie a razzo e stabilizzatori per la propulsione a razzo.

 

 

 

 

Siemienowicz, Kazimierz, Artis Magnae Artilleriae. Amsterdam, Netherlands: Jan Jansson, 1650.