La stazione di servizio orbitale russa (ROSS)  è prevista per l'inizio della costruzione nel 2025

La stazione di servizio orbitale russa (ROSS) è una proposta di stazione spaziale orbitale russa prevista per l'inizio della costruzione nel 2025. Inizialmente un'evoluzione dell'assemblaggio e dell'esperimento pilotati orbitali Concept Complex (OPSEK), ROSS ha sviluppato i piani per una nuova stazione spaziale russa autonoma costruita da zero senza moduli dal segmento orbitale russo della ISS

Nell'aprile 2021, i funzionari di Roscosmos hanno annunciato l'intenzione di uscire dal programma della Stazione Spaziale Internazionale dopo il 2024, esprimendo preoccupazioni per le condizioni dei suoi moduli di invecchiamento.

Roscosmos, l'equivalente russo della NASA, possiede ancora circa un quarto della ISS, noto come segmento russo. È responsabile della navigazione e del controllo dell'intera navicella spaziale e, senza di essa, la stazione non sarebbe in grado di funzionare.

Una nuova stazione spaziale, denominata Russian Orbital Space Station, sarà gestita interamente da Roscosmos.  La prima missione con equipaggio è prevista per il 2026.

La stazione è progettata con un'architettura aperta e una durata illimitata grazie alla sostituzione dei moduli. Volerà in un'orbita con un'altitudine di 400 chilometri (248,5 miglia) e un'inclinazione di 98 gradi, che consentirà di monitorare l'intera superficie della Terra, principalmente l'Artico e la rotta del Mare del Nord.

La nuova stazione russa non sarà solo un sito scientifico, ma industriale. Ci saranno compartimenti di produzione, ci sarà uno scalo di alaggio remoto su cui si potranno parcheggiare vari veicoli spaziali automatici, ripararli, rifornirli di carburante, allineare il carico utile e poi rispedirli nello spazio. 

Il progetto prevede anche una flotta di rimorchiatori che porterà questi veicoli automatici nelle orbite richieste.

Inoltre, la nuova stazione svolgerà il ruolo di hub di trasferimento per la spedizione lunare con equipaggio russo. Il nuovo scenario prevede l'utilizzo di quattro lanci del razzo Angara-A5V con uno stadio superiore a idrogeno.

Progetto del Russian Orbital Space Station (ROSS)

ROSS sarebbe pari a circa due terzi delle dimensioni dell'attuale segmento russo presso la ISS e consisterebbe di soli cinque moduli. Alcuni dovrebbero essere attaccati in una data non ancora determinata dopo il 2030. Inoltre, il ROSS non è destinato a un'abitazione continua, con due-quattro cosmonauti che visitano una o due volte l'anno e solo per brevi periodi di tempo.

 La stazione dovrebbe anche essere considerata un complemento di progetti più ambiziosi – e la Russia ne ha diversi.

In primo luogo, c'è il programma di sbarco sulla Luna cinese-russo, che è stato annunciato all'inizio del 2021 poco dopo che la Russia è uscita ufficialmente dal programma internazionale Lunar Gateway

In secondo luogo, è il "rimorchiatore nucleare" o il Transport and Energy Module (TEM), che è un progetto ultra-ambizioso per costruire una piattaforma che girerebbe intorno al sistema solare su una qualche forma di propulsione nucleare e consegnerebbe astronavi su altri pianeti con un'efficienza mai vista.