Mittelwerk, una fabbrica che utilizzava il lavoro forzato per la produzione dei missili balistici V-2, le bombe volanti V-1 ed altre armi.

 Il nome Mittelbau si riferisce a un complesso di fabbriche, depositi, strutture e campi di prigionia, alcuni sotterranei, che furono utilizzati dall'agosto 1943 all'aprile 1945 per fabbricare e testare il razzo V-2 vicino a Nordhausen nella Germania centrale. 

La principale linea di assemblaggio del V-2 si trovava in una fabbrica sotterranea chiamata Mittelwerk, dal tedesco “fabbrica centrale”, scavata sotto il monte Kohnstein, a circa 2 km a sud-ovest della città di Neidersachswerfen. Il campo di concentramento di Dora (in seguito chiamato Mittelbau KZ), dove erano imprigionati la maggior parte dei lavoratori Mittelwerk, si trovava sul bordo sud-ovest del Kohnstein.

La costruzione e la produzione di missili a Mittelwerk vicino a Nordhausen è stata forse una delle pagine più oscure e tragiche della storia della tecnologia missilistica tedesca. Lavoratori stranieri, prigionieri di guerra e prigionieri dei campi di concentramento furono usati per costruire e produrre i missili sotto la supervisione di specialisti tedeschi e sorveglianti della Gestapo.

Da una miniera ad una fabbrica sotterranea

Il principale impianto tedesco di produzione e assemblaggio di missili V-2 era a Peenemünde, sulla costa nord-orientale, dove, dal luglio 1943, la forza lavoro principale era costituita dai detenuti dei campi di concentramento, un rapporto fino a 15 detenuti per 1 lavoratore tedesco poco pagato. Per mantenere questa forza lavoro le SS allestirono un piccolo campo di concentramento all'interno del sito di Peenemünde.

A seguito di un devastante attacco aereo della Royal Air Force su Peenemünde il 17 agosto 1943, divenne presto chiaro all'Alto Comando tedesco che l'assemblaggio missilistico avrebbe dovuto essere spostato in siti sotterranei protetti.

Uno dei siti scelti è stata l'ex miniera di gesso Wifo nella collina di Kohnstein, al confine meridionale delle montagne dell'Harz, vicino a Nordhausen.

La miniera era stata aperta nel 1917 ed essendo stata abbandonata fu sequestrata dalla Wehrmacht nel 1936 per lo stoccaggio di combustibili e gas velenosi; a metà del 1943, il complesso era il più grande deposito di carburante e petrolio in Germania. Il sito era conosciuto come Mittelwerk. 

Il 24 settembre 1943 fu costituita una società privata sotto il controllo del generale di brigata delle SS Hans Kammler che era stato responsabile della costruzione di numerosi campi di sterminio tra cui Auschwitz-Birkenau.

Un sottocampo di Buchenwald fu istituito all'interno della miniera di Wifo nell'agosto del 1943 per fornire la forza lavoro per la costruzione della nuova struttura sotterranea, che in seguito si sviluppò nel campo di concentramento di Dora. La costruzione nel sito di Mittelwerk iniziò nell'ottobre 1943 con l'apertura di due tunnel paralleli a forma di "S" attraverso la collina di Kohnstein da nord a sud.

Prima che iniziassero i lavori nel sottosuolo, gli operai furono trasferiti nel campo di concentramento di Dora, che era stato allestito appositamente. All'interno della fabbrica sotterranea il regime era molto rigido: la minima violazione dell'ordine e della disciplina veniva punita con la morte. Il fumo sgorgava dal camino del crematorio del campo di Dora tutto il giorno. I lavoratori del campo sono morti per percosse, torture, malattie, esaurimento ed esecuzione per il minimo sospetto di sabotaggio. Pochissimi dei prigionieri Dora che hanno lavorato all'arma top secret ne sarebbero usciti vivi. Tuttavia, nel campo era attivo un centro sotterraneo della resistenza antinazista.

Novemila lavoratori tedeschi qualificati furono inviati a Mittelwerk come lavoratori arruolati dalle società AEG, Siemens, Rheinmetall Borsig, Dynamit AG, Krupp e Thiessen-Hitton. La Gestapo inviò più di 30.000 prigionieri da vari campi di concentramento. Il comitato sotterraneo del campo, composta da russi, cechi, francesi e tedeschi comunisti, organizzò un sabotaggio in fabbrica con il motto “The Slower You Work,The Closer to Peace! trovando il modo di rendere inutili i più delicati assemblaggi di razzi.

Quando l'impianto era prossimo al completamento, tutto lo stabilimento di produzione fu portato da Peenemünde e riassemblato a mano dai prigionieri di Mittelwerk.

Nell'ottobre del 1943 a Dora erano ospitati circa 7000 prigionieri per lavorare nelle gallerie. Nel gennaio 1944 i prigionieri erano 12.000 e nel febbraio 1945 il numero era nuovamente salito a 19.000. Le cifre precise non sono note ma si ritiene che lavorarono alla costruzione della struttura a Nordhausen tra i 40.000 - 64.000 uomini di cui 26.500 morirono, molti dei quali durante l'evacuazione durante l'avanzata americana quando ci fu un massacro di detenuti da parte delle SS.

Il lavoro nelle catene di montaggio di Mittelwerk includeva sia detenuti, lavoratori tedeschi e supervisori, nel rapporto di circa due prigionieri per un lavoratore. Gli ingegneri che gestivano le varie officine e le squadre di produzione erano tedeschi. Tra il personale c’erano anche soldati della Wehrmacht feriti o malati che venivano inviati a Mittelwerk per il servizio come ispettori di parti o di processo.

Le linee di produzione V-2 entrarono a regine nel giugno 1944.

 

L'11 aprile 1945, la punta di diamante dell'avanzata delle truppe americane della 3a divisione corazzata entrò a Nordhausen dove si sarebbe unita alla 104a divisione di fanteria prima di continuare la sua corsa verso est.

Alle truppe di liberazione era stato detto di "aspettarsi qualcosa di un po' insolito" nell'area di Nordhausen, ma non erano preparate per lo spettacolo orribile quando entrarono nel campo di Dora dove trovarono da 1.300 a 2.500 cadaveri insieme ad alcuni sopravvissuti. Presto scoprirono gli ingressi ai tunnel Mittelwerk dove trovarono file di parti V-2 e sottogruppi allungati attraverso i tunnel. I lavori a Mittelwerk si erano fermati il ​​10 aprile 1945, ma la catena di montaggio era rimasta con i suoi sistemi di alimentazione elettrica e di ventilazione ancora in funzione.

Cento V-2 furono spedite nel New Mexico per ulteriori studi, con grande fastidio del governo britannico a cui era stata promessa la metà dei razzi catturati previo accordo. Offrendo l'immunità, gli americani trasferirono in America circa 1.000 membri del personale tedesco con le loro famiglie per lavorare sul programma missilistico statunitense, incluso il capo delle operazioni Werner von Braun che in seguito sarebbe stato a capo dell'ICBM statunitense e diventando infine Direttore della NASA. 

Il personale fu evacuato dall'area 24 ore prima che i russi arrivassero ad occupare la regione di Nordhausen, prevista per il 21 giugno 1945.

 

Boris E. Chertok, rocket and people vol 1, 2005

The Mittelwerk/Mittelbau/Camp Dora Mittelbau GmbH - Mittelbau KZ