Peenemünde. Sviluppo dell'A-4, e il lancio del missile Wasserfall.

La storia della tecnologia missilistica tedesca non inizia con Peenemünde ma questo sito ebbe un’importanza fondamentale. In questa zona militare fu sviluppato e testato soprattutto l'A-4, primo missile balistico funzionante, poi noto nella propaganda nazista come V-2. Il lancio del missile Wasserfall.

Il 22 giugno 1941, la Germania attaccò l'Unione Sovietica.

Mentre era certo di una rapida vittoria sul fronte orientale, Hitler era turbato dalla tenacia della Gran Bretagna. Il 20 agosto 1941, nel suo quartier generale "Wolf's Den" nella Prussia orientale, ricevette il colonnello Dornberger, Wernher von Braun e lo specialista principale per lo sviluppo dei sistemi di guida missilistica, il dottor Steinhoff.

Dornberger e von Braun esposero a Hitler lo stato del lavoro sul missile A-4, che aveva una gittata fino a 300 chilometri. Discussero della possibilità di costruire nuovi missili con una gittata intercontinentale. Come risultato di questo incontro, Hitler diede ai programmi di Peenemünde la massima priorità.

Nell'autunno del 1941, stimolati da questo supporto di altissimo livello, la forza lavoro di Peenemünde iniziò ad accelerare il processo di progettazione per i sistemi a due e forse anche a tre stadi A-9, A-10 e A-11. Ma la base doveva essere il design dell'A-4.

Comparazione dei vari modelli della famiglia Aggregat. Aggregat è una famiglia di razzi sviluppati dall'ingegnere tedesco Wernher von Braun e dal suo gruppo di lavoro per la Germania nazista tra il 1933 ed il 1945. Indicati con la lettera A seguita da un numero progressivo (da 1 a 12), rimasero in gran parte sulla carta. Clicca sull’immagine per ingrandire.

Il comando di fanteria credeva di avere il monopolio delle armi missilistiche, ma anche l'Air Force trovò un posto a Peenemünde. La parte occidentale di Peenemünde-Westen divenne il centro per l'ottimizzazione del volo delle bombe volanti Fiesler Fi-103 con motori a getto d'impulso. Dotati di un primitivo autopilota, questi missili alati acquisivano velocità sui binari di lancio e decollavano orizzontalmente, continuando a volare aiutati dal loro motore ad un'altitudine massima di 3.000 metri e una velocità massima di 300 chilometri orari. Il Fi-103, che in seguito divenne famoso come V-1, raggiunse un'autonomia di 250 chilometri. La sua testata, che aveva una resa massima di 500 chilogrammi di tritolo, era destinata a colpire bersagli come le grandi città.

Un Fi 103R "Reichenberg", noto come V-1,  catturato dalle truppe britanniche nel 1945

 

Dopo una serie di fallimenti, il 18 maggio 1942 ebbe luogo il primo test completo del motore a razzo A-4.  Il 3 ottobre 1942, l'A-4 completò il suo primo volo di successo.

In seguito l’A-4 pese il nome V-2 (Vergeltungswaffe Zwe —Vengeance Weapon Two): il programma missilistico A-4 e il V-1 erano in competizione.

Nel frattempo, l'aviazione tedesca non aveva più una superiorità aerea schiacciante sul fronte orientale e si dimostrò incapace di resistere ai raid aerei dei bombardieri britannici e americani contro le città tedesche. Per questo motivo a Peenemünde si iniziò a progettare missili di difesa aerea a guida automatica, con il nome in codice Wasserfall. L'A-4 fu utilizzato per testare diversi principi di controllo per il Wasserfall.

Lancio del missile Wasserfall, Peenemünde, 23 settembre 1944. Il Wasserfall Ferngelenkte Flakrakete, è stato un grande missile antiaereo tedesco della seconda guerra mondiale, come gli altri della sua categoria non fece in tempo ad entrare in servizio ma era un'arma imponente. I suoi progetti furono da modello per il missile statunitense Hermes-A1 e per il programma di ricerca sovietico noto con la denominazione di R-101.

Nel 1943, c'erano più di 15.000 persone che lavoravano a Peenemünde.

Alla fine del 1943, la lotta si era di nuovo accesa nei circoli militari sulle priorità per lo sviluppo di nuovi tipi di armamenti. Quasi tutti i capi militari di alto livello sostenevano il programma Ju-88 della Luftwaffe, che richiedeva la produzione di massa di bombardieri medi per supportare le operazioni in prima linea colpendo città nemiche e obiettivi strategicamente importanti.

La Luftwaffe aveva indubbiamente pesanti pretese sulla massima priorità perché i nuovi bombardieri venivano inviati direttamente al fronte, alle unità dell'aviazione attive. I razzi A-4 sarebbero stati usati anche per attaccare la Gran Bretagna, ma erano i bombardieri il vero punto debole dell'Aeronautica Militare tedesca.

Alla fine della guerra, la nuova arma segreta aveva avuto la massima priorità tra tutti gli ordini all'industria e ai trasporti. Dornberger, von Braun e la leadership delle forze di fanteria spinsero il programma Ju-88 in secondo piano. Questo cambio di priorità ridusse le capacità di combattimento dell'aviazione bombardiere tedesca. A quel tempo, l'aviazione britannica e americana stava distruggendo una città tedesca dopo l'altra e la Germania non aveva la forza di lanciare contrattacchi.

Durante una conferenza militare al quartier generale della “Tana del lupo” nella Prussia Orientale, Hitler dichiarò la sua vendetta:

Se gli inglesi bombardano i miei aeroporti io non batto ciglio, ma se distruggono le mie città della Ruhr allora rispondo che il terrore si fronteggia soltanto con altro terrore!”

Con queste parole si preannunciava la vendetta di Hitler su Londra. Una guerra totale contro le popolazioni inglesi mediante il lancio delle V-1 e delle V-2.

Per attaccare Londra si riposero le speranze sull'arma di vendetta V-2, l'A-4 in quanto non c'erano abbastanza bombardieri ad alta velocità e ad alta quota con la portata necessaria.

Una tale svolta a favore dei programmi Peenemünde durante un periodo in cui la Germania era sull'orlo della catastrofe militare sul fronte orientale e perdeva la battaglia d'Inghilterra può essere spiegata solo dalla fede cieca che Hitler e il suo immediato entourage avevano nella forza miracolosa del nuovo armamento missilistico come mezzo di distruzione di massa e nuovo mezzo di difesa aerea.

L’impegno assunto da Hitler nel produrre le V-2, limitò le risorse nella ricerca del nucleare.

Nel suo libro The Virus House, il ricercatore e giornalista britannico David Irving scrisse:

Nel giugno 1940, quando la battaglia in Francia era cessata e l'occupazione regnò per quattro anni, le posizioni della Germania nella corsa al nucleare erano molto impressionanti e persino spaventose: la Germania non aveva grandi riserve di acqua pesante, ma per compensare ciò si impadronì dell'unica fabbrica di acqua pesante nel mondo; divenne la detentrice di migliaia di tonnellate di composti di uranio purissimo e stabilì il controllo su un ciclotrone quasi completato; aveva a sua disposizione quadri di fisici, chimici e ingegneri non ancora privati della loro vitalità da una guerra totale; e la sua industria chimica era la più potente del mondo.”

Se i tedeschi fossero riusciti a creare una bomba atomica prima degli americani e poi a mettere due o tre bombe in due o tre delle centinaia di razzi A-4 lanciati contro la Gran Bretagna, il mondo di oggi potrebbe apparire completamente diverso.

 

 

Giuseppe Mayda, La vendetta di Hitler su Londra, La Stampa, 1992

Boris E. Chertok, rocket and people vol 1, 2005