Cosmic Voyage è considerato il primo film di fantascienza sovietico sull'esplorazione spaziale e in History of Soviet Cinema è definito il primo film di fantascienza

"Cosmic Voyage"  è un  film di fantascienza russo. La sceneggiatura è stata scritta con la partecipazione e la consulenza scientifica di Konstantin Tsiolkovsky, considerato il pioniere della cosmonautica, a cui il film era dedicato. 

Durante le riprese del film, molti problemi tecnici sono stati risolti, un certo numero di specialisti in ingegneria e arte sono stati coinvolti nella sua creazione. La prima ebbe luogo il 21 gennaio 1936. Il film è riconosciuto come uno dei film di fantascienza più eccezionali dell'era del cinema muto.

Lo stile del film ricorda quelli di Méliès come “Viaggio nella Luna” (1902).

 

La locandina e il manifesto teatrale

Estate 1946. All'Istituto di comunicazioni interplanetarie di Mosca intitolato a K.E. Tsiolkovsky, sono in corso i primi esperimenti sulla preparazione di un volo sulla Luna . I primi esperimenti non portano a nessun successo. Si lanciano nello spazio i primi animali: un coniglio lanciato nello spazio muore in volo; il secondo razzo con il gatto a bordo scompare senza lasciare traccia. 

Nel frattempo, il suo creatore, l'accademico Pavel Ivanovich Sedykh, viene inviato sulla Luna sul gigantesco razzo spaziale "Joseph Stalin" insieme ai suoi compagni: Marina, un'assistente della professoressa Karin, e il giovane inventore Andryusha Orlov. 

Il razzo spaziale "Joseph Stalin"

I viaggiatori atterrano sul lato più lontano della Luna. Gli astronauti riescono a spostarsi  sul lato visibile dalla Terra e danno un segnale sotto forma della parola URSS, che viene ripreso con successo con l'aiuto di telescopi terrestri. 

Sulla Luna si spostano saltando come passeri: la particolarità del movimento sulla Luna fu suggerito da Tsiolkovsky. Gli astronauti riescono a rientrare sulla Terra sani e salvi e con loro fa ritorno anche il gatto.

I primi cosmonauti vengono accolti solennemente nella capitale dell'URSS.

Secondo le memorie del regista Vasily Zhuravlev , nel 1924, mentre studiava al State College of Cinematography, scrisse una sceneggiatura su un volo interplanetario, che, nelle sue parole, era ancora “molto ingenuo e tecnicamente impossibile”. Fu pubblicato con il titolo "Conquest of the Moon di Mr. Fox e Mr. Trott" che costituì la base di una delle prime storie a fumetti sovietiche - "Rivoluzione interplanetaria" diretta da Nikolai Khodataev, Zenon Komissarenko e Yuri Merkulov , anche loro studenti del Comitato doganale statale. 

Nel 1933, non conoscendo l'indirizzo dello scienziato, Zhuravlev indicò semplicemente in un telegramma: "Kaluga, K. E. Tsiolkovsky". Una settimana dopo, Zhuravlev ricevette per pacco postale il libro di Tsiolkovsky "Out of the Ground" e una settimana dopo una lettera con il suo consenso a partecipare al progetto. Invitò i realizzatori ad un incontro a Kaluga chiedendo di portare con sé una bambola di pezza, sulla quale voleva mostrare i movimenti a gravità zero. Dopo questo accordo e l'invito di Tsiolkovsky, nell'autunno del 1933, Zhuravlev ei suoi colleghi andarono a Kaluga. 

Il gruppo di cineasti era molto preoccupato per come lo scienziato avrebbe reagito al fatto che intendevano principalmente fare un film per bambini e temevano che Tsiolkovsky potesse richiedere la creazione di un film strettamente scientifico. Tuttavia, tutti i loro dubbi sulla partecipazione dello scienziato alla produzione del film furono dissipati dopo che li salutò con le parole: "Stai andando sulla luna?"

Durante il loro primo incontro, sono state prese in considerazione le opzioni più diverse per lo sviluppo della trama e Tsiolkovsky prestò particolare attenzione a rendere il film interessante e divertente, in grado di affascinare il giovane spettatore, a cui era principalmente indirizzato. 

Ha impostato una cornice per ciò che potrebbe essere presentato sullo schermo e ciò che non potrebbe essere tecnicamente fattibile: "Il film deve necessariamente avere un mondo senza gravità, il movimento delle persone sulla Luna che saltano e il cielo nero dello spazio " 

Secondo Zhuravlev, allo scienziato piaceva la loro proposta, dato che in precedenza aveva lavorato come insegnante. Inoltre, nel suo articolo "È solo fantasia?", che scrisse già nel 1934-1935 mentre lavorava al film, Tsiolkovsky pensava costantemente alla conquista dello spazio da parte dell'uomo, che non era frutto di fantasia, ma, al contrario, rappresentava" una conoscenza esatta basata sulle leggi della natura "
Per le riprese del film, Tsiolkovsky realizzò 30 disegni dell'aereo a razzo. Successivamente, questi disegni furono combinati nell'"Album of space travel", pubblicato nel 1947. 

Secondo Tsiolkovsky, il cinema è in grado di diffondere ampiamente le idee del volo spaziale, poiché il cinema ha un'influenza più forte sulle masse rispetto alla letteratura, ei film sono più "vividi e più vicini alla natura che alla descrizione"

Sul nuovissimo razzo spaziale "Joseph Stalin", contrariamente ai piani della leadership, non volano cosmonauti esperti ma un anziano accademico Sedykh, un giovane impiegato dell'Istituto di comunicazioni interplanetarie Marina e un ragazzo Andryusha Orlov - il figlio di un studente laureato dell'istituto. 

La prima proiezione del film ebbe luogo al Cremlino nell'ottobre 1935 e la prima generale ebbe luogo il 21 gennaio 1936

Cosmic Voyage è considerato il primo film di fantascienza sovietico sull'esplorazione spaziale e in History of Soviet Cinema è definito il primo film di fantascienza

 

Kosmicheskiy reys: Fantasticheskaya novella (1936)